Italy

E’ morto Scarface, il leggendario leone del Masai Mara

L’Africa piange la morte di Scarface, leggendario leone del Masai Mara, la Riserva nazionale nel Kenya sud-occidentale. «Alle ore 13 ora locale di venerdì 11 giugno, Scarface ha esalato il suo ultimo respiro. È morto in pace senza alcun disturbo, neanche delle iene. Eravamo gli unici sulla scena e al suo fianco, sperando di dargli qualsiasi tipo di conforto» scrive su Facebook l’organizzazione no-profit Mara Predator Conservation Program pubblicando la foto del felino senza vita.

La leggenda di questo leone di 14 anni è nata quando aveva solo tre anni e ha iniziato a lasciare traccia delle sue imprese compiute insieme ai suoi tre fratelli Sikio, Morani e Hunter: i quattro, una vera e propria banda di cacciatori infallibili, erano soprannominati i “Moschettieri”.

Il suo nome, Scarface, derivava dalla profonda cicatrice che gli solcava sull’occhio destro: la leggenda narra che fosse il segno lasciato dalla lancia di un pastore a cui il leone sopravvisse. Dopo la morte del fratello Hunter, dal 2019 i quattro moschettieri erano rimasti solo in tre, ma nonostante anche l’età che avanzava la loro forza nel cacciare non è mai venuta meno.

«Il Mara ha perso un altro dei suoi grandi leoni iconici. Possa la sua leggenda vivere per sempre» ha concluso l’organizzazione no-profit.

Segui LaZampa.it su Facebook (clicca qui), Twitter (clicca qui) e Instagram (clicca qui) 

E’ ripartita la newsletter settimanale e gratuita, se vuoi iscriverti clicca qui

Football news:

La Germania Kuntz non ha lasciato il gruppo alle Olimpiadi
Busquets, alba e Braithwaite sono arrivati nella posizione di Barca, Messi e Aguero - non ancora
Kuman ha respinto L'idea del Barça di acquistare Renata Sansches e Christian Romero
Barcellona non ha preso Morib per le tasse in Germania. Le parti non possono negoziare il Contratto
Bayern e Dortmund erano Interessati alla possibilità del trasferimento di Chiesa. Juve negato
La fantastica storia di un surfista australiano: ha conquistato il bronzo dopo una grave lesione al cranio (non poteva nemmeno camminare)
Aguero ha subito un trattamento con cellule staminali per riparare la cartilagine del ginocchio