Italy

Europei, Inghilterra-Scozia 0-0: derby con poche emozioni, lo spettacolo è sulle tribune di Wembley. Inglesi deludenti

LONDRA - Termina in parità il centoquindicesimo derby britannico tra Inghilterra e Scozia. Uno 0-0 che alla fine viene festeggiato dagli scozzesi come fosse una vittoria, anche perché la nazionale allenata da Clarke si è nettamente fatta preferire con un gioco coraggioso contro una Inghilterra a tratti spaesata, soprattutto nel primo tempo. Adesso la classifica del gruppo D vede al comando la Repubblica Ceca e la nazionale dei Tre Leoni a quota 4, mentre la Scozia agguanta a 1 punto la Croazia e la sfiderà nel prossimo match per puntare magari a qualificarsi come miglior terza.

<< La cronaca della gara>>

Scozia coraggiosa

Southgate cambia i terzini rispetto alla prima partita proponendo James e Shaw. Kane punta avanzata e Sterling, Mount e Foden a supporto. Clarke risponde col 3-5-2 con Dykes e Adams in attacco, mentre sugli esterni operano O'Donnell e capitan Robertson. Il derby è sentitissimo, come ovvio che sia, e una carica fallosa di Dykes ai danni di Shaw dopo 10 secondi lo dimostra. La Scozia gioca con coraggio e la prima chance è sua quando su un cross basso di O'Donnell, Adams colpisce col destro a botta sicura ma Stones che lo mura in angolo.

(reuters)

Palo di Stones, Pickford salva su O'Donnell

La risposta inglese al minuto 11 grazie a un colpo di testa di Stones dopo un angolo: palo pieno. Poco dopo, Sterling ruba palla a McTominay, sfera in area per Mount che però calcia male sul fondo. Quindi il match vive una lunga pausa fatta di agonismo e trame spezzate. Oppure di lanci profondi da parte degli inglesi, ma mal controllati o calibrati. Palo a parte, la più grossa occasione del primo tempo è scozzese e arriva alla mezz'ora: traversone lungo dalla sinistra di Tierney e destro al volo di O'Donnell con Pickford che respinge in tuffo. Quindi Adams di testa non riesce a ribadire in rete.

Poca Inghilterra

A inizio ripresa parte meglio l'Inghilterra che sembra finalmente scuotersi dal torpore del primo tempo: Marshall deve subito impegnarsi per negare il gol a Mount. Al 55′ una delle rare iniziative di Kane con passaggio a James, ma destro finale alto. Dopo l'ora di gioco l'impeto inglese si spegne e la Scozia torna a rendersi pericolosa quando ci vuole un grande colpo di testa in anticipo di Mings per impedire il vantaggio di Dykes. Al 62′ ancora Scozia: angolo, palla a Dykes che la gira in porta ma James salva sulla linea un pallone che forse era destinato sul fondo. Southgate cambia Foden con Grealish e poco dopo leva anche Kane per far entrare Rashford. Ma cambia poco perché il finale di match è tutto scozzese con Adams che al 78′ ci prova al volo col destro ma senza trovare la porta. La nazionale di Clarke termina il match con il possesso palla rischiando solo nel recupero su una mischia rugbistica furiosa in area, conclusa con un fallo in attacco.

Inghilterra-Scozia 0-0
Inghilterra (4-2-3-1): Pickford; James, Stones, Mings, Shaw; Rice, Phillips; Foden (18'st Grealish), Mount, Sterling; Kane (29'st Rashford). In panchina: Ramsdale, Johnstone, Maguire, Henderson, Trippier, Coady, Sancho, Calvert-Lewin, Chilwell, Bellingham. Allenatore: Southgate
Scozia (3-5-2): Marshall; McTominay, Hanley, Tierney; O'Donnell, McGinn, Glimour (31'st Armstrong), McGregor, Robertson; Dykes, Adams (41'st Nisbet). In panchina: Gordon, McLaughlin, Christie, Fleck, Cooper, Fraser, Patterson, Hendry, Forrest, McKenna. Allenatore: Clarke
Arbitro: Lahoz (Esp)
Ammoniti: McGinn e O'Donnell
Angoli: 6-5
Recupero: 0′, 2′.

Football news:

Messi non si allenerà con il Barça fino a quando non firmerà il Contratto
La Juventus firmerà L'attaccante Santos Cayo Jorge. Stipendio - 1,5 milioni di euro più bonus
Allegri sulla juve: Ronaldo è entusiasta. Dybala ha un problema muscolare. Kulusevski deve aggiungere
Nedved su Locatelli: la Juve considera la sua offerta giusta e buona
Kuman su 3:0 con Stoccarda: un grande gioco di barca contro una squadra forte. Siamo sulla strada giusta
Mkhitaryan vuole competere con la Roma per scudetto: senza trofei alla fine della carriera non rimarrà nulla
Pavel Nedved: Ronaldo è una garanzia di gol, un giocatore estremamente prezioso. La juve fa una scommessa su di lui