Italy

Ferramonti e il progetto leghista: storie dell’Italia di ieri (e forse di oggi)

Stefania Limiti

Stefania Limiti

Giornalista e scrittrice

Politica

Ferramonti e il progetto leghista: storie dell’Italia di ieri (e forse di oggi)

Il teutonico Gianmario Ferramonti, già collaboratore del professor Miglio, imprenditore, è un tipo diretto, uno che non le manda a dire. Ex tesoriere della Lega Nord, già leader di un fantomatico Partito delle imprese, poi al servizio di Trump in Italia con le sue reti di associazioni organizzate per fare da sceneggiatura a The Donald, è un faccendiere di cui le nostre cronache sentono periodicamente la mancanza.

Di lui sono emerse e ottime “entrature” negli ambienti dei servizi italiani e stranieri, tanto da essere ritenuto da molti un uomo “legato alla Cia” o comunque ad ambienti dei servizi. Ci dice molto di lui il suo strettissimo rapporto con Iginio Di Mambro, personaggio di grandissimo attivismo massonico – non sappiamo se Michelangelo Di Mambro, uomo dell’Ufficio affari riservati di Federico Umberto D’Amato dai primi giorni del 1970, sia un suo congiunto. Erano così vicini che Ferramonti (che pure dice di sé “non sono un massone”) chiamava affettuosamente Di Mambro con l’appellativo di papà.

Un giorno lo chiamò al telefono davanti a me, ma Di Mambro rifiutò il contatto. Delusa, me ne feci una ragione, l’impresa non era facile: lì siamo ai vertici di un potere occulto che chissà come avrà pesato sulle vicende del nostro Paese e di cui Ferramonti è stato una pedina. Di Mambro aveva conosciuto Charles Poletti, colonnello dell’Oss (progenitrice della Cia) poi governatore dell’amministrazione militare alleata a Roma, in Sicilia, dove Poletti istituzionalizza la mafia come “consulente” e “interprete” del governo alleato americano e dove fin dal 1942, insieme ai primi agenti di Max Corvo e Vincent Scamporino, è ospitato da notabili mafiosi, come racconta quel pozzo di notizie che è Gli americani in Italia, il libro di Roberto Faenza e Marco Fini, pubblicato nel 1976 da Feltrinelli.

Circostanza che fa scrivere ad un noto giornalista: “Iginio Di Mambro, un pezzo grosso della massoneria, quello che preparò lo sbarco alleato in Sicilia” (Massimo Martinelli, Il Messaggero, 20 settembre 1996). Già dal 1947 affiliato alla Loggia Gabriele Ferretti, Di Mambro ha un curriculum massonico lunghissimo (spiegato dalla consulenza dell’esperta di massoneria Piera Amendola, già braccio destro di Tina Anselmi alla Commissione P2, per la Procura di Aosta dove si svolse l’inchiesta Phoney Money). In un carteggio molto complesso e molto importante degli anni Sessanta tra Di Mambro, il generale Giuseppe Pièche e Randolfo Pacciardi, i tre scrivono della necessità di preparare e addestrare gruppi di giovani.

Iginio aveva una speciale capacità: orientare chiunque andasse alla sua corte verso la giusta obbedienza massonica, in modo che i bisogni di ciascuno possano essere soddisfatti. E poi ha fatto parte di molteplici organizzazioni massoniche, a volte anche contemporaneamente, e con quelle di cui non faceva parte intratteneva fitti e qualificati rapporti. Era costantemente informato della vita interna delle più importanti famiglie massoniche operanti nel nostro paese; dalla sua agenda, sequestrata nell’ambito dell’inchiesta di Aosta, è emersa l’ampia gamma di contatti di cui disponeva – erano annotati gli appuntamenti con Franco Evangelisti e altre persone di varia caratura professionale o politica.

Forse per questo Gianmario Ferramonti lo aveva cercato quando tentava di far decollare il progetto leghista? Nelle agende di Di Mambro spuntò anche il nome di Roberto Napoli: i due avevano avuto una serie di appuntamenti. Napoli era l’agente del Sisde che gestì la fonte Achille da cui nacque il dossier sui magistrati di Milano. Antonio Di Pietro fu messo in guardia proprio da Gianmario Ferramonti. Storie dell’Italia di ieri e, forse, di oggi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Vaccino, Salvini: “Lazio e Campania vogliono farlo ai detenuti prima degli anziani. Roba da matti”. Pd: “Lombardia ha iniziato a marzo”

next
meteo

Football news:

Griezmann ha parlato con Hamilton e ha visitato i box Mercedes al Gran Premio di Spagna
Barcellona sente che Neymar l'ha usata. Ha detto che voleva tornare, ma ha esteso il contratto con il PSG (RAC1)
Obameyang-i fan Dell'Arsenal: volevano regalarti qualcosa di buono. Mi dispiace che non siamo riusciti
L'Atlético non ha perso al Camp Nou. L'infortunio di Busquets è un evento di svolta della partita (e una gara di campionato?)
Verratti ha danneggiato i legamenti del ginocchio durante L'allenamento del PSG. La partecipazione All'Euro è ancora in discussione
Il Contratto di Neymar in una foto. Mbappe vuole lo stesso
Il Manchester United vorrebbe firmare L'estate di Bellingham, non Sancho. Il Borussia Dortmund non ha intenzione di vendere Jude