Italy

Fidanzati uccisi a Lecce, la confessione del killer: “Erano troppo felici, mi è montata la rabbia”

"Ho fatto una cavolata. So di aver sbagliato. Li ho uccisi perché erano troppi felici e per questo mi è montata la rabbia". Sarebbero queste le parole con le quali Antonio De Marco ha confessato l'assassinio di Daniele De Santis e della fidanzata Eleonora Manta. Dunque, lo studente di Scienze infermieristiche di 21 anni, fermato ieri sera nel corso delle indagini sul duplice omicidio verificatosi in via Montello a Lecce lo scorso 21 settembre, sarebbe stato mosso non da un movente personale ma legato alla coabitazione, dovuto all’invidia per i due fidanzati, per la loro felicità. Un particolare questo che anche il comandante dei carabinieri Paolo Dembech aveva sottolineato questa mattina nel corso della conferenza stampa per fare il punto sull'inchiesta, escludendo il movente passionale ed anche qualche lite che sarebbe potuta scoppiare durante i mesi della convivenza tra l'assassino e i due fidanzati, dal momento che pare "non si siano verificati dissidi".

Football news:

Hector Herrera su 0:4 con il Bayern: abbiamo giocato molto bene con la migliore squadra del mondo. Non cancellarci
Antonio Conte: il Borussia è ben preparato, ha un grande potenziale. L'Inter potrebbe vincere
Guardiola su 3:1 con porto: un buon inizio. Ci sono 5 sostituzioni in Champions League, i giocatori che sono usciti si sono dimostrati eccellenti
Flick su Mueller: è una continuazione della mano dell'allenatore sul campo. Thomas gestisce la squadra, la spinge in avanti
Gian Piero Gasperini: Miranchuk ha appena iniziato ad allenarsi. Abbiamo molti giocatori, la rotazione è inevitabile
Goretzka circa 4:0 con Atletico: la fortuna che non ci siamo persi all'inizio. Ci sono voluti 10 minuti per essere coinvolti
Klopp sulla vittoria contro Ajax: non è stato un calcio radioso, ma abbiamo segnato tre punti