Italy

Fonseca: “La mia quarantena? Sono rimasto a Roma, esco solo per fare la spesa”

Il tecnico portoghese Paulo Fonseca ha deciso di passare il suo periodo di quarantena a Roma, dove si sta occupando molto poco di calcio, anche se non dimentica di pensare alla prossima stagione osservando calciatori che possono fare al caso dei giallorossi, e soprattutto rispetta le regole ed esce di casa di rado, giusto per la spesa al supermercato.

Esco solo per fare la spesa

L'ex allenatore dello Shakhtar Donetsk ha rilasciato un'intervista all'emittente portoghese ‘SIC' in cui ha parlato della sua vita durante la quarantena e ha spiegato anche perché non è tornato in Portogallo:

Esco solo per andare al supermercato e negli ultimi cinque giorni ci sono andato solo una volta. Tornare in Portogallo? Qui mi sento al sicuro. La Roma ci offre le migliori condizioni per i problemi, abbiamo tutto. Ad esempio, qui c’è uno dei principali ospedali più importanti.

I calciatori devono allenarsi

La Roma, come tutte le società di Serie A, segue giornalmente tutti i calciatori. Fonseca dice che la cosa principale ora è non fermarsi, bisogna tenersi in allenamento, e per questo il lavoro più duro lo fa il preparatore atletico giallorosso, Nuno Romano:

Siamo sempre in contatto con la squadra, è importante non fermarsi completamente in questo momento. Il nostro preparatore atletico, Nuno Romano, è quello con più lavoro adesso.

Come passa le giornate a casa Paulo Fonseca

Ventiquattr'ore su ventiquattro a casa per Fonseca che non dedica troppo tempo al calcio, si informa sempre e guarda calciatori, insomma segue chi potrà vestire la maglia giallorossa nella prossima stagione. Ma gran parte del tempo lo passa con sua moglie e suo figlio:

Sono sincero sto dedicando più tempo a mio figlio e mia moglie che al calcio. Sto leggendo e sto monitorando anche dei giocatori che possono interessare per il futuro.