Italy

Francia, morta italiana investita da monopattino: appello a testimoni

19 giugno 2021 | 19.08

LETTURA: 1 minuti

Sull'incidente che ha coinvolto la 31enne aperta un'inchiesta, si cercano due ragazze

alternate text
Afp

E' morta dopo tre giorni la 31enne italiana investita a Parigi da un monopattino sul quale si trovavano due ragazze. Lo ha riferito le Parisien, mentre l'emittente Rtl ha riferito che la Procura della capitale, dopo aver aperto un'inchiesta per "omicidio volontario aggravato dalla fuga", ha fatto un appello ai testimoni per contribuire alle ricerche delle due ragazze.

Miriam, originaria di Capalbio, stava tornando a casa dal ristorante italiano nel quale lavorava a rue Grégoire de Tours, quando era stata investita il 14 giugno scorso dalle due ragazze in monopattino, che non si erano fermate per soccorrerla dopo che Miriam aveva sbattuto la testa al marciapiede.

La 31enne è morta nella notte tra mercoledì' e giovedì scorsi: soccorsa in strada, dove era in arresto cardiocircolatorio, era stata sottoposta per 30 minuti a massaggio cardiaco. Quando il cuore aveva ripreso a battere, ma in stato di incoscienza, era stata trasferita all'ospedale de la Pitié-Salpêtrière, dove i medici che l'avevano presa in cura si erano detti "molti pessimisti", ha raccontato una fonte al quotidiano

Tag

Vedi anche

Football news:

I giudici della Premier League hanno raccomandato di non assegnare un calcio di rigore discutibile, come alla Sterlina in semifinale di Euro 2020
Chelsea ha offerto oltre 100 milioni di euro e Marcos Alonso per Lukaku. L'Inter ha rifiutato di vendere il belga
Shomurodov sul passaggio a Roma: farò del mio meglio per mostrare le mie abilità in uno dei più grandi club del mondo
Roma ha acquistato Shomurodov per 17,5 milioni di euro da Genoa
Monaco ha acquistato il centrocampista di Lione Lucas per 12 milioni di euro
Aldridge sul nuovo contratto Manchester United e Sulscher: i tifosi del Liverpool, Chelsea e City gioiscono
Mbappé non lascerà il PSG quest'estate, ma anche i negoziati sul nuovo contratto non conducono (Le Parisien)