Italy

Gervinho (doppietta) spaventa l'Inter: da 0-2 a 2-2 con il Parma

Serie A, sesta giornata

Brutto 1° tempo a San Siro, ripresa emozionante. Doppio vantaggio dei ducali con l'ivoriano, Brozovic riduce subito il passivo, al 92' Perisic firma il pareggio nerazzurro. Senza il belga Lukaku, fatica la squadra di Conte 

31 ottobre 2020Pesa come un macigno l’assenza in attacco del totem Lukaku e l’Inter rischia grosso a San Siro col Parma, rimontato da 0-2 a 2-2. Undici punti in 6 partite per la squadra di Conte, sempre alla ricerca della continuità. A quota 5 la formazione di Liverani, che torna a casa con parecchi rimpianti.

Chiaro da subito il canovaccio del match, con i nerazzurri in pressione (ma senza intensità) e i ducali compatti pronti a ripartire. Sul campo, però, le occasioni latitano. L’unica capita al 2’ sui piedi di Perisic, che calcia alto da posizione favorevole. L’Inter spinge ma fatica a rendersi pericolosa, gli ospiti restano guardinghi ma senza ritrovarsi mai in affanno. Centrale la conclusione di Lautaro Martinez, esce non di molto il sinistro di Kolarov (28’), prima del riposo potrebbe fare decisamente meglio Hakimi, che spedisce alto di testa da distanza ravvicinata (44’). Non una bella Inter, comunque: serve un cambio di marcia.

Che non arriva, anzi. La prima vera fiammata offensiva del match, ad inizio ripresa (47’), regala infatti il vantaggio agli ospiti: lancione di Hernani per Gervinho che scatta alle spalle di de Vrij e di piatto al volo fulmina Handanovic. Annullato per un giusto fuorigioco il gol di Ranocchia (53’), Sepe blocca senza problemi la capocciata di Lautaro (54’). Al 62’ il Parma affonda ancora gli artigli: grande assist di Inglese per l’ivoriano Gervinho, che davanti ad Handanovic per la seconda volta non perdona. Retroguardia nerazzurra decisamente rivedibile. Ma lo 0-2 dura pochissimo: dal limite, col sinistro, Brozovic trova il corridoio vincente (64’) e la gara si riaccende. Vale come una rete segnata, al 72’, la strepitosa parata di Sepe sul colpo di testa a botta sicura di Ranocchia da non più di quattro-cinque metri. A ruota altro stacco di Hakimi, che però non riesce ad angolare: numero uno gialloblù sempre presente (77’). Sorvola la traversa il mancino di Vidal (82’). Forcing conclusivo e al 92’, su punizione dalla sinistra di Kolarov, Perisic di testa evita la sconfitta ai nerazzurri. Che potrebbero addirittura vincere, ma il tentativo del cileno Vidal esce a lato di un niente.                        

Football news:

Zlatan Ibrahimovic è riconosciuto come giocatore Dell'anno in Svezia per la 12a volta
Ronaldo ha segnato il 70 ° gol nelle partite casalinghe della Champions League, ripetendo il record di Messi
A Bruno riguardo al rigore dato a Rashford: era importante per lui acquisire fiducia. Non importa chi batte se la squadra segna
De Ligt su 2-1 con Ferencvaros: la Juventus ha dovuto muovere la palla più velocemente e agire più forte
Minges sul debutto per il Barça: molto felice. Spero che questo sia l'inizio di qualcosa di grande e significativo
Potete chiederlo nello spogliatoio, se avete il coraggio. Tuchel-giornalista sulla questione della qualità del gioco PSG
Morata su 2:1 con Ferencvaros: sembrava una partita di 20 anni fa. Hanno giocato a calcio difensivo