Italy

Giampiero Boniperti, addio alla bandiera della Juve

Alla vigilia dei suoi 93 anni se n’è andato Giampiero Boniperti, mitico centravanti e capitano della Juve degli anni Cinquanta e poi presidentissimo dei bianconeri dagli anni ’70 in poi ma soprattutto un’icona del club torinese e dell’Italia del calcio. E’ morto nella notte per insufficienza cardiaca e avrebbe festeggiato il suo compleanno il prossimo 4 luglio.

Era nato a Barengo, in provincia di Novara e quando approdò alla Juve a fine anni ’40 si racconta che non contrattò tanto i soldi ma vacche giovani per portarle in dote alla famiglia contadina. Quelli della Juve furono per sempre i suoi colori: giocò 459 partite ufficiali, vincendo 5 campionati e Coppe Italia a ripetizione nel trio Boniperti-Charles-Sivori . Ma vincente fu anche da presidente del club, per l’abilità nello scoprire talenti – tra cui Scirea e Del Piero – ma anche per la disciplina con cui dirigeva la squadra, senza perdere mai di vista i conti. Legatissimo all’Avvocato Agnelli ma anche al fratello Umberto, Boniperti fu Presidente della Juventus dal 1971 al 1990 e poi amministratore delegato dal 1991 al 1994. Dal 2006 era presidente onorario. “La Juve – soleva dire – non è solo la squadra del mio cuore, è il mio cuore”. La sua passione era pari alla sua immensa competenza. Ma per lui il profilo umano dei giocatori non era meno importante di quello tecnico.

Indimenticabili le sue fughe dallo stadio prima della fine di ogni partita, per non soffrire troppo. Indimenticabili anche le dure trattative con i giocatori e anche lo stile Juve che imponeva loro, obbligandoli a comportarsi e a vestire con sobrietà. “Vincere non è importante, ma alla Juve è l’unica cosa che conta”. La Juve non lo rimpiangerà mai abbastanza.

Football news:

Direttore Generale di Roma: Shomurodov ha un enorme potenziale. Le sue qualità sono adatte a Mourinho
Joan Laporta: Moriba non giocherà come base di barca, e poi se ne andrà. Non accettiamo il suo comportamento
Agente Shomurodova: il passaggio di Eldor a Roma non è una favola. Il 90% è il risultato del suo lavoro, il 10% è il nostro lavoro di qualità
I giudici della Premier League hanno raccomandato di non assegnare un calcio di rigore discutibile, come alla Sterlina in semifinale di Euro 2020
Chelsea ha offerto oltre 100 milioni di euro e Marcos Alonso per Lukaku. L'Inter ha rifiutato di vendere il belga
Shomurodov sul passaggio a Roma: farò del mio meglio per mostrare le mie abilità in uno dei più grandi club del mondo
Roma ha acquistato Shomurodov per 17,5 milioni di euro da Genoa