Italy

Giovanni Amighetti presenta il docufilm “Incontri sul palco” e la collaborazione con il Festival Ahymé

Nell'intervista esclusiva Giovanni Amighetti ha presentato il docufilm "Incontri sul palco" e il lavoro prezioso del Festival Ahymé.

Giovanni Amighetti docufilm

Condivisione e inclusione sono oggi gli ingredienti essenziali per una società migliore. Beni preziosi quanto rari che dobbiamo custodire per essere migliori. Ahymé è un Festival che fa di condivisione e integrazione i suoi punti di forza, creando un armonioso connubio tra culture.

Giovanni Amighetti è il musicista emiliano ideatore di “Incontri sul palco”, un docufilm di Luca Fabbri su Ahymé – Festival Interculturale dell’integrazione. Ideato e diretto dal musicista Bessou GnalyWoh, presidente dell’Associazione “Colori d’Africa – APS”, insieme al produttore e compositore Giovanni Amighetti per Arvmusic, Ahymé è un festival che mette in luce come l’integrazione sociale e la condivisione delle tradizioni possa contribuire a migliorare la qualità artistica e culturale di una città e della sua popolazione.

Il lungometraggio è simbolo perfetto della ripartenza, che ben si addice a un periodo in cui l’emergenza coronavirus finalmente appare sotto controllo per merito della campagna vaccinale e della bella stagione. Il docufilm mostra come, nonostante il periodo di restrizioni dovute alla crisi sanitaria, la cultura e la musica non si siano fermate. Infatti, gli artisti coinvolti hanno trovato nel festival, sebbene a porte chiuse, occasione di incontri, influenze e stimoli creativi che hanno gettato le basi per le proprie produzioni.

Ahymé ha avuto il ruolo di “laboratorio creativo” in un momento storico in cui artisti e addetti ai lavori sono stati costretti a fermarsi. Nell’intervista esclusiva il musicista Giovanni Amighetti ha parlato del docufilm “Incontri sul palco” e dei progetti futuri.

Giovanni Amighetti presenta il docufilm per Ahymé

“Il progetto nasce in periodo Covid mettendo insieme esperienze diverse di musicisti europei, africani e non solo”. Così il music producer Giovanni Amighetti ha presentato gli stimoli che hanno dato vita al docufilm “Incontri sul palco”.

Quindi ha aggiunto: “L’iniziativa testimonia che la cultura non si ferma, nonostante l’emergenza sanitaria. A marzo 2020, appena scoppiata la pandemia, ho subito un blocco creativo. Mi sono dedicato interamente alla musica, ma le mie produzioni risentivano del periodo cupo che stavamo vivendo. A sua volta, la mia musica appariva grigia e triste. Ahymé è l’occasione giusta per ritrovarsi e fare musica insieme. È stata un’esperienza positiva”. Giovanni Amighetti manda il suo augurio al settore e si dice ottimista per il futuro: “Le riaperture degli ultimi periodi, per merito della bella stagione e dei buoni ritmi della campagna vaccinale, mi fanno pensare che il futuro della musica sia finalmente migliore. Attualmente prevale il senso della speranza.

Giovanni Amighetti, il docufilm e il valore di condivisione e integrazione

La condivisione in musica per Giovanni Amighetti “è un dialogo tra musicisti che appartengono a culture e/o paesi diversi”, ha sottolineato.

Integrazione, invece, “significa mantenere le proprie caratteristiche e le proprie individualità, ma ascoltando gli altri e creando un connubio che arricchisca, senza appiattirsi attorno a una sola cultura. Bisogna fare tesoro di ogni sfumatura, unirle e valorizzarle”.

Giovanni Amighetti, dal docufilm “Incontri sul palco” ai progetti futuri

Dopo aver lavorato per il docufilm “Incontri sul palco”, Giovanni Amighetti racconta gli altri progetti sui quali sta lavorando.

Tra i molti lavori, ha svelato di essere concentrato su due dischi che usciranno il prossimo autunno. Sarà un’esperienza discografica importante”.

Football news:

Greylish ha già firmato un contratto con Man City e ha parlato con Guardiola
Riforme VAR in APL: le linee di fuorigioco renderanno più spesse, non assegneranno un rigore con un piccolo contatto (come con la sterlina contro la Danimarca)
Guarda Man United : i loro affari sono terribili. Il britannico crea un impero in cui gli specialisti di diversi sport si aiutano a vicenda
Il Tottenham può firmare Coutinho e un certo numero di giocatori in caso di vendita di Kane
Bernardo Silva può lasciare il Barça about Atletico dopo il trasferimento di Greylis A Man City
Nikita Nagorno ha ricevuto in dono una maglietta autografata da Cristiano Ronaldo
Messi firmerà il contratto con Barca oggi. La Liga ha stanziato al club 280 milioni di euro dopo l'accordo con il fondo di investimento