Italy

Giustizia, la riforma Cartabia alla prova della fiducia: a Montecitorio occhi puntati sugli eletti M5s. Conte rassicura: “Saremo compatti”

La Guardasigilli è presente in Aula: il Governo ha posto la questione di fiducia su entrambi gli articoli che compongono la proposta di legge. I deputati si esprimeranno per appello nominale ed è ammessa una sola dichiarazione di voto. Martedì si voteranno gli ordini del giorno e poi il complesso della riforma

Si è aperta a Montecitorio la seduta dedicata al voto sulla riforma del processo penale. La Guardasigilli Marta Cartabia è presente in Aula. La proposta di legge, come uscita dalla Commissione Giustizia, consiste in due soli articoli, condensati dai 18 del testo base, depositato nella scorsa legislatura dall’ex ministro Alfonso Bonafede. Il primo (composto da 28 commi) contiene la delega al Governo sui vari aspetti della riforma, il secondo (22 commi) modifica invece direttamente alcune norme del codice di procedura penale (introducendo il discusso meccanismo dell’improcedibilità). Su entrambi il Governo ha posto la questione di fiducia: il voto si svolge per appello nominale ed è ammessa una sola dichiarazione di voto sui due articoli. Martedì invece la Camera si esprimerà sugli ordini del giorno e poi sul complesso della riforma: non si escludono interventi-fiume delle opposizioni – Fratelli d’Italia e L’alternativa c’è in primis – per tentare di rinviare il voto. Dopo l’ok della Camera il testo passerà all’esame del Senato, dove arriverà “blindato”, senza possibilità di modifiche.

Osservati speciali sono i 160 deputati del Movimento 5 stelle, da cui si temono defezioni a causa dei mal di pancia sull’accordo raggunto giovedì scorso: ben quaranta, nella seduta di domenica, non hanno partecipato al voto sulle pregiudiziali di costituzionalità. Tra loro nomi di peso il capogruppo in commissione Giustizia Eugenio Saitta, l’ex sottosegretario alla Giustizia Vittorio Ferraresi, l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro e l’ex ministra alla Salute Giulia Grillo. Ma il presidente in pectore, l’ex premier Giuseppe Conte, ha rassicurato: “I parlamentari del Movimento 5 Stelle daranno il loro voto ed esprimeremo compattezza: sì alla fiducia. Ho voluto inaugurare questo nuovo corso del M5s – spiega – discuteremo molto, ci confronteremo e lo faremo sempre con assoluta trasparenza“. E lunedì, incontrando la ministra della Giustizia a Bologna per le commemorazioni della strage del 2 agosto 1980, l’ha voluta rassicurare sulla compattezza dei propri parlamentari: “Oggi andrà tutto bene”, ha detto.

In Aula hanno annunciato voto favorevole i gruppi di Liberi e uguali (con Federico Conte), Coraggio Italia (con Martina Parisse), Italia viva (con Lucia Annibali) e Forza Italia (con Pietro Pittalis). Contrari, invece, i deputati ex M5s de L’alternativa c’è, che hanno esposto cartelli con le scritte “Impunità di gregge” e “Carta bianca per i ladri”: “Questo compromesso partorito in Cdm è un accordo al ribasso che non salva nulla anzi peggiora la situazione”, ha detto, in dichiarazione di voto, il deputato Francesco Forciniti. “Siete dei falsari e se dei falsari vengono a chiedermi la fiducia io non posso darla. Ci fa schifo la riforma Cartabia e questa visione di paese. Noi vogliamo dare un’alternativa”. Per Fratelli d’Italia – l’altra forza politica di peso a votare contro – è intervenuto Ciro Maschio, motivando il no del gruppo col fatto che “si è scelto di mantenere l’impianto della vecchia riforma Bonafede” e che “viene minata l’obbligatorietà dell’azione penale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Mps, “indagati a Brescia i pm di Milano che avevano chiesto archiviazione di Profumo e Viola”

next

Football news:

Gian Piero Gasperini: Atalante è inutile guardare lo scudetto. Spiccano Inter, Milan e Napoli
Levandowski ha Interrotto la serie di assist di 19 Partite per il Bayern. Ha segnato da febbraio
Müller ha superato Rummenigge e con 218 gol è arrivato al 3 ° posto nella lista dei migliori marcatori del Bayern
L'allenatore di Reims Garcia può cambiare Kuman a Barcellona
Tebas circa la Coppa del mondo ogni 2 anni: completa follia ed errore. Violazione dell'ecosistema del calcio
Contro il presidente Anger stanno conducendo due nuove indagini nel caso di violenza sessuale
Se Mbappe ha una qualità, allora è modestia. L'allenatore del PSG Mauricio Pochettino ha commentato le recenti Parole di Frederick Antonetti che lavora con il Metz sull'attaccante parigino Kylian Mbappé