Italy

Gkn: Ferrara (M5S), 'segnale fortissimo per il nostro Paese'

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 20 set. (Adnkronos) – “Quanto stabilito oggi dal Tribunale di Firenze rappresenta un segnale fortissimo per il nostro Paese. I diritti dei lavoratori non sono una boutade, e i grandi gruppi industriali non possono permettersi di giocare con le vite degli stessi".

Lo afferma il senatore toscano M5S Gianluca Ferrara, vicecapogruppo al Senato.

"La procedura di licenziamento ai 422 dipendenti di GKN a Campi Bisenzio -ricorda- è stata notificata via email, e tutto ciò è disdicevole. Solo pochi giorni fa eravamo in mezzo a queste persone con Giuseppe Conte e Alessandra Todde: i vertici dell’azienda debbono sedersi al tavolo e concertare una soluzione seria. Per scongiurare casi simili in futuro però è quanto mai necessario che venga approvato il decreto legge relativo alla responsabilità sociale delle imprese.

Le delocalizzazioni prive di validi motivi debbono cessare, troppo spesso grandi aziende chiudono stabilimenti dopo annate rigogliose in termini di fatturato. Così non può funzionare”.

Leggi anche

Football news:

Lo sceriffo, il capo del Gruppo D, sta andando Dall'Inter. Può fare un altro colpo e vincere?
Sulscher sulla situazione del Manchester United: naturalmente, la situazione non è divertente. Ma i progressi sono visibili
Dalla locomotiva vogliamo fare fare un falco pellegrino. La locomotiva ha spiegato lo stato di Rangnik, come cercare e vendere giocatori, perché sulla panchina Zorn
Wenger propone di introdurre un periodo di riposo obbligatorio per i giocatori e di fare pause per le partite nazionali meno spesso, ma più a lungo
L'attaccante di Lester Duck, cinque anni fa, ha giocato nel deserto africano. È stato trovato dallo zambiano Galiziano (mezzo russo!), Che ha venduto agli Ural lunga
Ronald Kuman: richiedere L'uscita Barca a 1/4, 1/2 about la finale di Champions League è anormale. Ci sono club con 23 giocatori della nazionale
Kick It Out vuole discutere urgentemente con Newcastle il comportamento dei fan. Indossavano oggetti simili ai cappelli sauditi