Italy

Gli italiani e il lockdown, lavaggio frequente delle mani e clima familiare sereno

25 maggio 2020Lavarsi spesso le mani è una delle azioni maggiormente raccomandate per prevenire l'infezione. In un giorno medio settimanale, le persone hanno dichiarato di aver lavato le mani in media 11,6 volte (con un valore mediano pari a 8) e di averle pulite con disinfettanti circa 5 volte (con un valore mediano pari a 2). È quanto emerge dal report Istat "Reazione dei cittadini al lockdown", indagine condotta nella Fase 1 dell'emergenza Covid-19 ovvero nel periodo dal 5 al 21 aprile 2020.Un segnale di forte attenzione che in alcuni casi può essere interpretato come un sintomo d'ansia. Una quota non indifferente di persone, infatti, riferisce di aver lavato le mani almeno 20 volte nel giorno precedente l'intervista (16,5%) e si arriva al 22,4% tra le persone di 55-64 anni; la quota scende tra gli anziani (5,9% tra le persone di 75 anni e più) e nel Mezzogiorno (12,2%). Circa un terzo della popolazione adulta ha pulito le mani con un disinfettante almeno 5 volte, una percentuale che supera il 40% tra coloro che sono usciti il giorno precedente l'intervista. Sempre a distanza di 24 ore dall'intervista, le persone hanno riferito in media di aver pulito o disinfettato circa due volte le superfici della cucina e dei mobili della casa, almeno tre volte nel 27,8% dei casi, con quote più alte tra le donne e tra le persone di 65-74 anni.

      Clima familiare sereno

  Nonostante le restrizioni, il lockdown è stato vissuto all'insegna della serenità e di un clima familiare coeso e positivo. Alla richiesta di definire il clima familiare vissuto nel primo periodo dell'emergenza, tre cittadini su quattro hanno usato parole di significato positivo. È quanto emerge dal report Istat "Reazione dei cittadini al lockdown" , condotta nella Fase 1 dell'emergenza Covid-19 ovvero nel periodo dal 5 al 21 aprile 2020. Meno del 15% ha scelto parole a cui non è stato possibile attribuire un significato univocamente positivo o negativo. Solo l'8% ha utilizzato termini di significato negativo. Per descrivere il clima familiare, un cittadino su due ha spontaneamente scelto una delle seguenti parole: "buono" (14,4%), "sereno" (12,6%), "tranquillo" (10,4%), ottimo" (8,7%), "amorevole" (3,8%). Tra le parole di difficile classificazione, quella più frequentemente utilizzata è "normale" (9,9% dei cittadini). "Teso" è invece il termine negativo più usato, ma solo dallo 0,7% degli intervistati. La forte propensione all'interpretazione positiva della esperienza di lockdown è trasversale alle varie fasce di popolazione e all'area geografica. Tuttavia, a livello territoriale, nell'area 2 la percentuale di parole positive è più bassa rispetto alle altre del Paese pur restando fortemente maggioritaria (70%).

  Utili regole anti-contagio

    Il 91,2% dei cittadini italiani ha considerato utili le regole imposte per contrastare l'evoluzione della pandemia di coronavirus. Lo rileva l'Istat in un report condotto nella Fase 1 dell'emergenza Covid-19, ovvero nel periodo dal 5 al 21 aprile 2020, che misura comportamenti e percezioni dei cittadini in pieno lockdown. L'89,5% ha inoltre percepito come "chiare" le indicazioni su come comportarsi per contenere il contagio.


Nove su dieci hanno usato mascherine
“Nove cittadini su dieci hanno fatto uso di mascherine" durante la Fase 1, in pieno lockdown. Lo rileva l'Istat che ha condotto un'indagine su comportamenti e percezioni dei cittadini tra il 5 e il 21 aprile. Nel dettaglio"l'89,1% delle persone di 18 anni e più riferisce di aver fatto uso di mascherine", si spiega. "L'utilizzo è stato diffuso in modo trasversale in tutta la popolazione raggiungendo il valore più alto tra le persone di 45-54 anni (94,5%), relativamente più basso il valore rilevato tra i più anziani (73,5% per 75 anni e più), anche perché molto probabilmente hanno avuto meno bisogno di uscire".

Football news:

Griezmann rimarrà a Barcellona per la prossima stagione
Cristiano sulla sconfitta da Milano: testa alta, continuiamo a correre!
Questo è il miglior Milan degli anni: supercambec con la Juve (3 gol in 5 minuti!) salvato l'intrigo in Serie A
Zlatan Ibrahimovic: sono presidente, giocatore e allenatore! Se fossi stato a Milano dall'inizio della stagione, avremmo preso lo scudetto
Sarri sulla sconfitta da Milano: 60 minuti abbiamo giocato a calcio di prima classe. Quindi-torbidità
Pioli sulla vittoria contro la Juve: Milano è diventata una squadra. Possiamo giocare ancora meglio
Pioli ha battuto per la prima volta la Juventus come allenatore