Italy

Guerriglia urbana contro De Luca e il coprifuoco: assalto ai carabinieri sotto la Regione

Prima il corteo lungo le vie della città, poi il caos una volta arrivati nei pressi dei Santa Lucia, sede della Regione Campania. Si è trasformata in una guerriglia urbana la protesta che era stata inscenata in serata contro il coprifuoco, imposto dalla Regione come misura per contrastare l'aumento di contagi da Covid-19. I giornalisti sono stati cacciati dal lungomare mentre i carabinieri che erano in presidio nei pressi della sede regionale sono stati aggrediti con lancio di petardi e di transenne; un militare, accerchiato, è stato picchiato in gruppo.

I manifestanti si erano organizzati col passaparola durante la giornata, sui social, su Whatsapp e col passaparola, dandosi appuntamento per le 22 in strada, con l'intenzione di marciare a piedi fino a Palazzo Santa Lucia, sede della Regione. Le manifestazioni in programma sono due: una è un presidio in largo San Giovanni Maggiore, davanti all'università L'Orientale, l'altro è il corteo che invece si è mosso attraverso la città. Sono per la quasi totalità giovani, molti dei quali indossano le mascherine anche se, dalle immagini diffuse anche dagli stessi manifestanti, si vede chiaramente che non c'è nessun rispetto delle distanze interpersonali.

Guerriglia a Santa Lucia

In zona Santa Lucia, sotto la sede della Regione Campania, è scattata la guerriglia: le forze dell'ordine, presenti per presidiare il corteo, sono state caricate da alcuni manifestanti con lancio di petardi e di transenne. Una ipotesi che era stata già ventilata nelle scorse ore: da informative interne era risultato l'alta probabilità che frange di facinorosi approfittassero della manifestazione per provocare le forze dell'ordine alla ricerca dello scontro. I carabinieri hanno usato i fumogeni per allontanare i manifestanti.

Giornalisti aggrediti e cacciati sul Lungomare

I manifestanti stanno percorrendo anche il Lungomare di Napoli, che si era svuotato dalle 21 proprio in vista del coprifuoco, in vigore dalle 23 fino alle 5 del giorno successivo. I giornalisti presenti, sul posto per documentare la protesta, sono stati strattonati, insultati e hanno dovuto allontanarsi rapidamente dalla zona. I componenti di una troupe televisiva nazionale sono stati picchiati nella zona di Santa Lucia.

Football news:

In URSS, solo il calcio è stato discusso a caldo. Nel 1947, lo scrittore Steinbeck e il fotografo Militare Capa viaggiarono per L'Unione e andarono a una partita in Georgia
Joan Laporta: Barcellona e Champions League sono una storia di successo in rovina. Voglio riportare il club in cima al calcio mondiale
Cavani si è scusato per la parola di Negrito su Instagram: sono contro il razzismo. Meno volevo offendere qualcuno
Leo guiderà la Nazionale tedesca per L'Euro
Klopp su van Dyke: il Suo ginocchio sembra non importa, ma per il ginocchio, che recentemente è stato operato, sembra bene
Pirlo non discute le tattiche con i giocatori della Juve. Dybala e Kulusewski non capiscono le loro sfide sul campo (Corriere della Serra)
Sembra che Cavani sia squalificato per la parola Negrito. Non intendeva niente di male, ma era comunque razzista