Il monegasco è stato protagonista di un'ottima partenza, in cui ha anche superato Hamilton ma con il passare dei giri ha iniziato a pagare il degrado delle gomme

E’ ancora Lewis Hamilton l’uomo da battere per il Mondiale di F1, mentre le Ferrari sono protagoniste di un discreto inizio. Il sette volte campione del Mondo a bordo della sua Mercedes ha vinto il Gran Premio del Bahrain, gara inaugurale della stagione, al termine di una battaglia entusiasmante con Max Verstappen. Il giovane pilota olandese della Red Bull ha dominato tutto il weekend, conquistando la pole position e rimanendo a lungo in testa alla gara. Decisiva la strategia dei pit stop, che alla fine ha premiato Hamilton. Il fuoriclasse inglese ha ottenuto così la vittoria numero 96 in Formula 1 e nel corso della gara ha battuto anche un altro primato di Michael Schumacher con oltre 51112 giri al comando. “E’ stata una gara difficile, ma lo sapevamo. Max è stato fantastico per tutto il weekend e ho dovuto fare qualcosa di speciale”, ha dichiarato alla fine Hamilton. “E’ stata una delle gare più dure e sono davvero molto grato al team”, ha aggiunto il pilota inglese.

Un Verstappen che mastica amaro per una strategia che alla fine non l’ha premiato, costringendolo nel finale ad una rimonta incredibile su Hamilton. Poi nel momento decisivo il giovane olandese ha superato il rivale britannico, ma è andato oltre i bordi della pista ed è quindi stato costretto a restituire la posizione. “E’ un peccato, ma bisogna pensare positivo. Per come è iniziato stiamo lottando con loro ed è bellissimo così”, ha detto Verstappen. “Nel complesso siamo riusciti a concludere la gara e a portare dei punti”, ha aggiunto il giovane pilota olandese. “Ogni anno si parla di Verstappen, sta facendo molto bene e noi dovremo fare il massimo per tenerlo dietro. Ma io adoro le sfide e va bene così. Dopo 5 anni ho vinto la prima gara della stagione, è stato un sollievo. E’ stata durissima”, ha replicato ancora Hamilton. Terzo posto per Valtteri Bottas sull’altra Mercedes, il finlandese non è mai stato effettivamente in lotta per il vertice ed è stato anche penalizzato da un errore del suo box a metà gara.

Esordio tutto sommato positivo per la Ferrari, con il sesto posto conquistato da Charles Leclerc. Il monegasco è stato protagonista di un’ottima partenza, in cui ha anche superato Hamilton ma con il passare dei giri ha iniziato a pagare il degrado delle gomme. Alla fine Leclerc è stato preceduto anche dalla McLaren dell’inglese Lando Norris e dall’altra Red Bull del messicano Sergio Perez, rispettivamente quarto a quinto. “Non siamo ancora dove vogliamo essere c’è ancora tanto lavoro da fare ma dobbiamo essere anche consapevoli dei nostri progressi. E’ uno step avanti rispetto all’anno scorso”, ha commentato a fine gara Leclerc. “Storicamente non siamo mai andati bene qui, ma l’inizio è positivo”, ha aggiunto. Settimo posto per l’australiano Daniel Ricciardo su McLaren, ottavo Carlos Sainz Jr all’esordio sull’altra Ferrari: “Sono contento, so che l’ottavo posto non è niente di speciale ma penso ci siano cose di cui essere contenti”, ha detto lo spagnolo.

Da segnalare poi l’ottimo nono posto dell’esordiente giapponese Yuki Tsunoda su Alpha Tauri, davanti all’Aston Martins del canadese Lance Stroll. Seguite dalle due Alfa Romeo di Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi, mentre l’ex campione del Mondo Sebastian Vettel non è andato oltre il 15° posto sull’altra Aston Martin. Infine ultimo Mick Schumacher, figlio del leggendario Michael, all’esordio assoluto in F1 con la Haas. Il Gran Premio del Bahrain è stata la prima gara aperta al pubblico durante la pandemia di Covid, gli organizzatori del Bahrain hanno consentito un ingresso limitato di spettatori solo se vaccinati. “E’ bellissimo rivedere i tifosi dopo tanto tempo, sono fiero per cosa è riuscita a fare la F1 per iniziare la stagione in modo normale”, ha sottolineato Hamilton. Da segnalare la presenza nel paddock del senatore di Italia Viva Matteo Renzi, immortalato al fianco del presidente della FIA Jean Todt. Prossimo appuntamento con il Mondiale di F1 il 18 aprile con il Gran Premio dell’Emilia Romagna, sul circuito di Imolahamilton

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata