Italy

I Musei del Duomo di Modena “diventano grandi” e si ispirano alle cattedrali europee

Nuovo piano dedicato a presentazioni e laboratori in chiave digitale: investimento da 800mila euro, si inaugura nel 2022

Modena. I Musei del Duomo “diventano grandi”, sul modello di quelli delle più celebri cattedrali europee e italiane (Firenze, Milano, Pisa e Lucca), per rappresentare l’imprescindibile complemento di una visita alla chiesa e ai suoi mille anni di storia.

È stato presentato ieri l’ambizioso progetto di riqualificazione delle sale delle ex canoniche, diventate nel tempo seminario arcivescovile e archivio. Una rivoluzione e un salto di qualità per il complesso che attualmente ospita al piano terra il Lapidario e a quello superiore il Museo del Tesoro. Ora viene allestito anche il secondo piano superiore, inutilizzato da anni, dove troveranno posto spazi polivalenti per laboratori didattici e mostre temporanee, in un dialogo tra fede, arte e cultura come nei gioielli architettonici europei.



Il progetto, su una superficie superiore ai 900 metri, prevede l’allestimento di ben sette sale. La prima sarà dedicata alla storia della cattedrale: dalle origini medievali al sito Unesco, tra frammenti scultorei e affreschi fino a una timeline interattiva che permetterà al visitatore di navigare tra mille anni di storia. Poi una sala “immersiva” per ospitare sedute e proiezioni tematiche sulle fasi costruttive e l’evoluzione architettonica del sito fino ai nostri giorni. Una terza sala dedicata al cantiere proporrà personaggi, strumenti e materiali del XI secolo: la “Relatio”, il codice miniato che narra la costruzione del Duomo, verrà riproposta in una veste digitale interattiva, consentendo di interrogare miniature e testi. La sala successiva servirà per scoprire i misteri dei racconti scolpiti nei portali. Il percorso si chiuderà poi con una narrazione di suoni e di luci: dalle Storie della Genesi scolpite da Wiligelmo a quelle della Passione di Cristo realizzate dai Maestri campionesi, in un percorso dalla caduta alla redenzione dell’uomo. Ultime due sale dedicate a bambini e scolaresche, con laboratori e attività ludiche e interattive.

Un piano d’intervento da 800mila euro, di cui 500mila finanziati da UniCredit, 200mila dalla Fondazione Modena e altri 140mila garantiti dalla legge 77/2006 sui siti Unesco. I lavori sono già iniziati: compatibilmente col Covid, gli ambienti dovrebbero essere ultimati nel corso dell’anno e allestiti nel 2022, puntando a un’inaugurazione a settembre. L’operazione è stata resa possibile dal protocollo sottoscritto nel 2017 tra il sindaco Muzzarelli e il Ministero della Giustizia, proprietario dell’edificio, prevedendo il trasferimento in comodato della gestione di tutto il museo (l’attuale e i nuovi spazi di ampliamento) dall’amministrazione degli Archivi Notarili al Comune, in accordo con la Basilica Metropolitana. —

Football news:

Griezmann ha parlato con Hamilton e ha visitato i box Mercedes al Gran Premio di Spagna
Barcellona sente che Neymar l'ha usata. Ha detto che voleva tornare, ma ha esteso il contratto con il PSG (RAC1)
Obameyang-i fan Dell'Arsenal: volevano regalarti qualcosa di buono. Mi dispiace che non siamo riusciti
L'Atlético non ha perso al Camp Nou. L'infortunio di Busquets è un evento di svolta della partita (e una gara di campionato?)
Verratti ha danneggiato i legamenti del ginocchio durante L'allenamento del PSG. La partecipazione All'Euro è ancora in discussione
Il Contratto di Neymar in una foto. Mbappe vuole lo stesso
Il Manchester United vorrebbe firmare L'estate di Bellingham, non Sancho. Il Borussia Dortmund non ha intenzione di vendere Jude