Italy

Il «braccio destro» di Genovese ricoverato a Bali «Troppe minacce» Video

È ricoverato in ospedale a Bali, in Indonesia, per un attacco di stress e ansia Daniele Leali, il vocalist definito «braccio destro» di Alberto Genovese nel decreto di fermo che ha portato all’arresto dell’imprenditore digitale con l’accusa di aver drogato e violentato una modella di 18 anni durante una festa organizzata lo scorso 10 ottobre nella sua casa di Milano. Secondo il suo legale, l’avvocato Sabino Di Sibio, a provocare l’attacco sarebbero stati i numerosi messaggi minatori ricevuti sui social dopo che in alcuni programmi televisivi il nome di Leali, che non è indagato, è stato accostato alla vicenda.

Leali al momento non è iscritto nel registro degli indagati per nessun tipo di reato, motivo per cui non è stato trattenuto quando ha deciso di partire per Canggu, una piccola località indonesiana dove ha detto di avere impegni lavorativi. Le sue condizioni non sarebbero comunque gravi e nelle prossime ore, spiega il suo legale, potrebbe essere già dimesso.

Sempre secondo il legale, la tempesta di minacce via social si è scatenata dopo che domenica pomeriggio la trasmissione di Mediaset «Non è la D’Urso» si è occupata del caso Genovese. La conduttrice Barbara D’Urso è stata querelata dal legale di Leali.

Football news:

Arthur ha segnato per la Juventus per la prima volta. Passa il 19 ° Incontro per il club
I tifosi del Chelsea hanno sostenuto Lampard con un banner. Crediamo in Frank. Allora. Adesso. Sempre
Direttore del Real Madrid Butragueno: tutti sanno cosa significa Zidane per noi. Le voci arrivano quando non ci sono vittorie
Gerta dopo 1:4 da Werder ha licenziato l'allenatore e l'amministratore delegato
Karim Benzema: il Real ha bisogno della migliore versione di Hazard. L'attaccante del Real Madrid Karim Benzema ha parlato del centrocampista del club di Madrid Eden azar
L'Inter può scambiare Eriksen con Dzeko. Il club vuole vendere il centrocampista in un club non Dall'Italia, ma ha paura di non trovare acquirenti
Ex agente Todoebo: Barcellona credeva in lui e Jean-Clair pensava di essere già un fenomeno. È un peccato