Italy

Il cristianissimo Pillon dice che su Morisi “la giustizia divina ha fatto il suo corso”

Attualità

Il senatore della Lega si scaglia contro l’ex capo della comunicazione di Salvini, ammiccando all’indagine per cessione di sostanze stupefacenti e all’orientamento sessuale di Morisi

Matteo Salvini, anche oggi, ha attaccato tutti coloro i quali stanno parlando del caso Luca Morisi. Forse, però, dovrebbe dare un’occhiata anche in casa sua. La notizia dell’indagine per “cessione di sostanze stupefacenti” aperta nei confronti dell’ex spin doctor della Lega, infatti, ha stracciato un velo anche all’interno del partito, con il senatore Simone Pillon che ha sparato a zero sull’ex capo della comunicazione. E non solo per la vicenda della droga.

Pillon si scaglia contro Luca Morisi, parlando di droga e ammiccando all’omosessualità

Intervistato da Simone Canettieri su Il Foglio, il senatore della Lega si sfoga senza lasciare molto spazio all’immaginazione:

“Questa brutta storia di Morisi non mi sorprende, soprattutto se gli avessero trovato la droga dello stupro. C’erano cose note da tempo a tutti”.

A cosa fa riferimento? Probabilmente, anzi sicuramente, non all’utilizzo della droga. Nella casa di Belfiore (in provincia di Verona) dell’ex capo della comunicazione leghista, sono stati ritrovati “solamente” due grammi di cocaina. L’accusa principale nei suoi confronti, infatti, riguarda la “cessione di sostanze stupefacenti”. Un fatto emerso nel corso di un posto di blocco dei carabinieri che hanno trovato della droga liquida (ancora devono essere effettuate le analisi, ma i due giovani hanno parlato di GHB) nell’automobile dei ragazzi che hanno accusato proprio Morisi.

E allora perché Pillon ce l’ha tanto con Morisi? Lo stesso senatore spiega che il suo “sentimento” avverso nei confronti dell’amico di Matteo Salvini ha origini molto profonde. Fin da quanto lo spin doctor sconsigliò al leader della Lega di partecipare al tanto contestato Congresso Mondiale della famiglia andato in scena, nel 2019, a Verona. Ed è lì che, secondo il parlamentare del Carroccio, i suoi nodi sono venuti al pettine. Neanche troppo tra le righe, infatti, Pillon parla di quel festino con soli uomini e della droga dello stupro. Secondo lui, dunque, l’orientamento sessuale di Morisi era ben noto, anche all’interno del mondo della Lega:

“Non mi stupisce, viste le note attitudini del personaggio. La giustizia divina ha fatto il suo corso. A me questo Morisi non è mai piaciuto. Mai. Poi mi ha sempre fatto la guerra, ora capisco tante cose”.

Infine la chiosa sugli esponenti omosessuali eletti con la Lega. Che non sono pochi, anzi.

“I gay del mio partito. Sono tantissimi. Li conosco tutti. Tra Camera e Senato non bastano due mani per contarli”.

Un qualcosa che sembra scandalizzarlo più del dovuto. Più del lecito.

(Foto IPP/Emanuele Pennacchio)

Football news:

La timeline del tormento di Kuman: risultati terribili, scontri con Laporta, attacco di fan e licenziamento. Ora Barcellona vuole Xavi
Salihamijic Pro 0:5 con il Borussia Dortmund: l'annebbiamento collettivo del Bayern che non possiamo spiegare
Il Barcellona vuole nominare Javi dopo le dimissioni di Kuman
💣 ÂБарсеĞона увоĞиĞĞ° Кумана
Il Barcellona annuncerà presto le dimissioni di Kuman
I capi del Barcellona si riuniranno stasera per discutere del futuro di Kuman (Cope)
Allenatore Dell'Inter circa 2-0 con Empoli: peccato che Lautaro non abbia segnato, ma si prende cura dei gol per le prossime partite