Italy

Il festino in casa, la droga dello stupro e l’arrivo dei Carabinieri: così sono partite le indagini su Luca Morisi

Fatti

Un gruppo di tre persone sono state fermate in un posto di blocco dopo aver partecipato a una festa nell’abitazione di Belfiore (Verona) dell’ex capo della comunicazione della Lega. In auto avevano una droga liquida. A casa di Morisi ritrovati due grammi di cocaina

Emergono ulteriori dettagli sull’indagine che vede coinvolto Luca Morisi, l’ex capo della comunicazione di Matteo Salvini. La notizia è trapelata ieri, figlia di un’esclusiva del quotidiano La Repubblica. E oggi, proprio da quel cascinale di Belfiore (in provincia di Verona) arrivano testimonianze e ricostruzioni che danno un quadro più completo di questa vicenda. Tutto è iniziato nella notte tra venerdì 13 e sabato 14.

Luca Morisi, il festino in casa, la droga dello stupro e l’indagine contro di lui

Lì, in provincia di Verona, vive Luca Morisi. E proprio nella sua abitazione – un cascinale che ospita, perlopiù, lavoratori fuori sede – ci sarebbe stato un festino con la partecipazione di almeno altri tre-quattro uomini. Era la notte della vigilia di Ferragosto e in compagnia dell’ex capo della comunicazione della Lega e di Salvini (si è dimesso dal suo incarico lo scorso 1° settembre) c’erano altre tre persone. La prima era un uomo, di circa 50 anni (come racconta la vicina di casa a La Repubblica) che frequentava da qualche tempo l’abitazione di Morisi. Gli altri due erano due ragazzi romeni che vivono nella zona di Verona e che l’esperto di comunicazione politica avrebbe conosciuto sul web (ignota l’identità del terzo fermato). Un festino che, secondo il racconto fatto dalla vicina di casa a La Stampa, sarebbe durato due giorni.

“Sono arrivati tre ragazzi, ne ricordo uno con un berretto da baseball rosso. Non sapendo dove citofonare, hanno telefonato proprio qui davanti, sul prato. Si sono fatti aprire e sono saliti. Per tutta la notte abbiamo sentito rumori dal piano di sopra. Per due giorni quei ragazzi hanno abitato al piano di sopra”.

Movimenti sospetti. Morisi, infatti, non era solito frequentare quella sua abitazione nel cascinale di Belfiore. Impegnato a Roma – dove ha sede il nuovo ufficio della comunicazione della Lega – e sempre in compagnia di Matteo Salvini nei suoi tour elettorali, la presenza dell’ex spin doctor non poteva passare inosservata (anche per quell’automobile, una Maserati Levante, che non poteva, di certo, non dare nell’occhio).

Il giorno successivo, intorno all’ora del tramonto di sabato 14 agosto, i due ragazzi vengono fermati dai carabinieri in un posto di blocco. Nella loro automobile viene trovata una fiala, incastrata nel cruscotto, contenente della sostanza stupefacente in forma liquida. Si tratta di droga dello stupro? A fornire questa indicazione sono gli stessi fermati agli uomini dell’Arma:

“In quella fiala c’è Ghb, è stato Morisi a darcela gratis”.

Questa parole hanno fatto scattare le indagini. I carabinieri, in compagnia dei due ragazzi romeni, si sono recati a casa di Luca Morisi per effettuare i controlli di rito. Un cittadino al di sopra di ogni sospetto: prima di questa vicenda, infatti, nessuno aveva mai collegato il nome dell’ormai ex spin doctor di Salvini al mondo della droga. Ma la perquisizione dei militari ha fatto emergere anche la presenza in casa di due grammi di cocaina. Un quantitativo che viene considerato “per uso personale”. L’attenzione, di fatti, non è sulla polvere bianca ma su quella droga liquida. La certezza sulla sua composizione arriverà solamente tra qualche settimana (forse un mese e mezzo), dopo che saranno resi noti i risultati delle analisi. Nel frattempo le indagini si allargano per cercare chi ha fornito quella droga.

Football news:

I tifosi Dell'Ajax hanno organizzato una partita di fuochi d'artificio allo stadio contro il Borussia Dortmund
Guardiola sul coronavirus: sono vaccinato, mi fido di medici e scienziati. Vediamo quanti morti in Inghilterra
Griezmann ha raggiunto Giroux in Champions League (35) e divide con lui il 5 ° posto tra i francesi
Ad Amsterdam, i fuochi d'artificio non sono solo sul campo, ma anche sugli spalti. Un pirobo di fan di AJAX e Borussia Dortmund
Mbappe ha 46 (28+18) punti sul sistema di gol+passaggio in 48 partite in Champions League
L'Atlético ha perso due volte al 15 ° minuto per la prima volta a Simeone
Guardiola Pro 5-1 con Bruges: uno dei migliori giochi di Man City nelle competizioni europee