Italy

Il lavoro delle donne, 13 premiate in nome di Valeria Solesin

QUARTA EDIZIONE

di Irene Consigliere

Non vorrei mai trovarmi nella condizione di dover scegliere tra famiglia e lavoro. Elena Suriano, 28 anni, si laureata da poco all’Universit della Calabria, ed una delle tredici ragazze, provenienti da tutta Italia, tra i 24 e i 32 anni, vincitrici, del Premio Valeria Solesin. Sin da giovane (da pi giovane sarebbe meglio dire) la famiglia le ha trasmesso il messaggio dell’uguaglianza di genere, e lei ne ha fatto l’oggetto della sua tesi. Poi ha deciso di partecipare al premio, inviando il suo lavoro, che rispondeva al tema ben preciso da affrontare: Il talento femminile come fattore determinante per lo sviluppo dell’economia, dell’etica e della meritocrazia nel nostro paese. Rivolto a studentesse e studenti di tutte le Universit italiane, pubbliche e private, il Premio ispirato agli studi della giovane ricercatrice veneziana, tragicamente scomparsa nell’attentato del Bataclan di Parigi del 13 novembre 2015.

Non ci sono differenze di abilit tra uomini e donne per Chiara Macchione prima classificata

Prima assoluta in classifica, e premiata da Allianz Partners, stata quest’anno Chiara Macchione, studentessa dell’Universit Bocconi di Milano, che ha voluto dimostrare attraverso la sua tesi the effect of gender dyad composition on performance evidence from a lab experiment, ovvero che non esistono differenze tra le abilit femminili e quelle maschili. Il riconoscimento, giunto alla quarta edizione, stato ideato da Paola Corna Pellegrini, amministratore delegato di Allianz Partners, in collaborazione con Luciana Milani, la mamma di Valeria Solesin: Ho avuto l’opportunit di ascoltare una vera e propria agenda per un mondo migliore, il suo commosso commento. A sostenere l’iniziativa anche il Forum della Meritocrazia, con la sua presidentessa Maria Cristina Origlia, mentre il Comune di Milano e la Fondazione Cariplo hanno dato il loro patrocinio.

Fondamentale il reskilling digitale in questo momento critico

Da queste ragazze arrivano idee nuove e grande fiducia in un momento cos difficile dice Barbara Stefanelli, vicedirettrice del Corriere della Sera e coordinatrice del premio. E infatti non si discusso solo di gender diversity, affrontata dai lavori di Roberta Brancato in politica, di Marina Rallo nella pubblica amministrazione, di Alessia Gesualdi nei consigli di amministrazione. Parecchi temi cruciali sono stati messi in evidenza: l’importanza di rompere il soffitto di cristallo(la tesi di Alessia Da Ros), la possibilit delle donne di conquistare ruoli apicali nelle banche centrali(tesi di Ina Golykia), il bilancio sociale, con rendicontazione di genere nelle pubbliche amministrazioni (il lavoro di Valeria Sorrentino), il ruolo dell’intelligenza artificiale(nella tesi di Francesca Pesce, seconda classificata) e il movimento #Metoo (nel lavoro di Claudia Colombo, terza nel ranking). Sin dalla pi tenera et i genitori devono incoraggiare in tutti i modi il talento dei propri ragazzi senza porre dei limiti ha raccomandato Corna Pellegrini, che a Valeria Solesin e alle testimonianze delle tesi vincitrici degli anni passati ha dedicato il suo libro, Forza ragazze al lavoro. Roberta Cocco, assessora alla trasformazione digitale e servizi civici del Comune di Milano ha ribadito l’importanza del reskilling digitale proprio in questo momento critico, mentre Cristina Tajani, assessora alle politiche del lavoro, attivit produttive, commercio e risorse umane del Comune di Milano ha ricordato un triste dato di fatto: che ogni violenza deriva proprio dalla svalutazione di una donna.

Football news:

Barcellona non comprerà Garcia questo inverno
Monaco ha segnato 36 punti nelle prime 20 partite di Kovac. Più che Жардиме
Rivaldo: Kuman merita rispetto per la fiducia dei giovani. Zidane ha smesso di farlo
Roma non può battere la Lazio in 4 partite consecutive
Mourinho sul rinnovo del contratto di locazione di Bale: non ne ha parlato per un secondo
Neuer è il miglior portiere del decennio, Buffon è il 2°, Courtois è il 3 ° (IFFHS)
Bruno ha preso 4 premi al giocatore del mese in 2020-m. Lo stesso è stato Ronaldo, Henri e Lampard - ma per la sua carriera in APL