Mou fa soft power e non lo sa. O forse sì. Gli riesce? Decisamente sì. Lo guardi cenare da solo, fresco di partita vinta ma sofferta contro il Cagliari, nella sua ultima foto su Instagram, e prima di ogni cosa t'imbaboli, poi desideri, poi speri, poi, ancora, ti scuoti, riscuoti e pensi: come ho potuto battagliare per riavere le cene al chiuso, come ho potuto non approfittare, negli ultimi 100 giorni prima del Green Pass, per mangiare per terra, sulle scale, negli ascensori, sui cofani delle macchine, sulle Vespe 50 Special, sui manubri, come ho potuto preferire le sedie, le tovaglie, le prenotazioni (maledette prenotazioni, ridateci la vita sprenotata o non sarà mai più Occidente)? Guardi...

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

0,25 € alla settimana per tre mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50€ a settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale