Italy

Il vero avversario della Francia per la vittoria di Euro 2020 può essere la Francia stessa

I favoriti. La rosa più forte per qualità e per il livello dei calciatori. Il fatto che la Francia sia la squadra da battere a EURO 2020 è opinione diffusa ed è una delle poche mette tutti d'accordo dall'11 giugno a oggi. Non c'è nessuno che non l'abbia messa al primo posto in una ipotetica griglia per questa rassegna continentale e per non scontentare nessuno i transalpini nel match d'esordio hanno battuto la Germania per 1-0. Una buona prova per le Bleus, che nella prima frazione hanno messo in mostra buona parte delle loro qualità tecniche, tattiche e fisiche; mentre nella seconda parte hanno cercato di sfruttare più le ripartenze, trovando altri due gol (annullati) e lavorando molto di più in fase difensiva che in quella offensiva. Un atteggiamento che aveva fatto storcere il naso a molti ma era arrivata la vittoria e quindi tutto era passato in cavalleria, senza soffermarsi troppo.

Nel secondo turno del gruppo F la nazionale campione del mondo in carica ha pareggiato per 1-1 contro l'Ungheria e dal fischio finale della sfida disputata alla Puskas Arena è partita la discussione sul vero valore della Francia. A guardare i numeri del match si avrebbe un quadro molto chiaro: 66% di possesso palla a 34 per i Bleus, 15 tiri totali a 5 (4 a 3 in porta) e 12 occasioni create contro le 6 dei magiari. Nulla di nuovo sotto il sole di Budapest, la squadra di Marco Rossi ha fatto il suo match mentre i transalpini non sono riusciti a trasformare in gol quanto creato e la situazione si è complicata.

Proprio quegli episodi che possono far girare i match in qualsiasi momento, e che in un torneo con tutte partite secche sono ancora più determinanti, hanno messo in difficoltà la nazionale più forte del mondo e l'hanno costretta a rincorrere per buona parte del secondo match. La squadra di Didier Deschamps si è presentata ai nastri di partenza dell'Europeo itinerante con i favori e questo ruolo alla selezione transalpina non dispiace perché è consapevole della sua forza ma proprio questa troppa sicurezza in alcuni frangenti potrebbe giocare brutti scherzi. Come già anticipato, già nel primo incontro la Francia aveva dato la sensazione di accontentarsi dopo essere passata in vantaggio mentre oggi non ha giocato con la giusta cattiveria fin da subito e al primo assalto avversario ha subito il gol dei magiari. Il punto conquistato è importante, perché dimostra la reazione dei francesi e tiene ancora come primi del gruppo, ma i punti su cui si batterà sicuramente l'ex allenatore di Juventus, Monaco e OM saranno la determinazione e la connessione all'interno del match: in manifestazioni così corte non ci sono troppe occasioni per recuperare il terreno perduto e il prossimo avversario della Francia sarà il Portogallo campione d'Europa in carica. "Errare humanum est, perseverare autem diabolicum".

Football news:

Shomurodov sul passaggio a Roma: farò del mio meglio per mostrare le mie abilità in uno dei più grandi club del mondo
Roma ha acquistato Shomurodov per 17,5 milioni di euro da Genoa
Monaco ha acquistato il centrocampista di Lione Lucas per 12 milioni di euro
Aldridge sul nuovo contratto Manchester United e Sulscher: i tifosi del Liverpool, Chelsea e City gioiscono
Mbappé non lascerà il PSG quest'estate, ma anche i negoziati sul nuovo contratto non conducono (Le Parisien)
La Juve ha concordato con SANTOS per il trasferimento di Cayo. Per lui pagherà 1,5 milioni ora e 1,5 milioni in un anno
Joan Laporta: Barcellona farà di tutto per far rimanere messi. Ci sono problemi irrisolti