Italy

In calo i nuovi contagi: 16.377 nelle ultime 24 ore, 672 morti Tasso di positività a 12,5%

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, almeno (compresi guariti e morti) hanno contratto il virus Sars-CoV-2: i nuovi casi sono +16.377*, +1% rispetto al giorno prima (ieri erano +20.648), mentre i decessi odierni sono +672, +1,2% (ieri erano +541), per un totale di 55.576 vittime da febbraio. Le persone guarite o dimesse complessivamente sono 757.507: +23.004 quelle uscite oggi dall’incubo Covid, +3,1% (ieri erano +13.642). E gli attuali positivi — i soggetti che adesso hanno il virus — risultano essere in totale 788.471, pari a - 7.300 rispetto a ieri, -0,9% (ieri erano +6.463), e sono visibili nella quinta colonna da destra della tabella. La flessione degli attuali positivi — sono in calo e con il segno meno davanti per la quarta volta in novembre (vedi 23/11 , 25/11 e 27/11) — indica che i guariti, sommati ai decessi, sono in numero maggiore rispetto ai nuovi positivi. Un buon segnale, se non ci fossero così tanti morti.

Per quanto riguarda la situazione di questo mese che si chiude oggi, negli ultimi 30 giorni i casi (aggiornati a ieri) sono stati 800.953: il 48,3% maschi e il 51,7% femmine (con l’età mediana di 48 anni). Gli operatori sanitari infettati sono stati 22.712 e 12.904 le persone decedute, secondo i dati della sorveglianza integrata Covid-19, pubblicati dall’Istituto superiore di sanità (Iss).

I tamponi sono stati 130.524, ovvero 46.410 in meno rispetto a ieri quando erano stati 176.934. Mentre il tasso di positività è del 12,5%: vuol dire che su 100 tamponi eseguiti più di 12 sono risultati positivi; ieri era dell’11,7%. Questa percentuale dà l’idea dell’andamento dei contagi, indipendentemente dal numero di test effettuati. Qui la mappa del contagio in Italia.

Diminuiscono i contagi in 24 ore, a fronte di meno tamponi (di lunedì il numero di test è il più basso di tutta la settimana, in quanto si tratta delle analisi domenicali). I casi odierni sono sotto quota 20 mila per la prima volta in questo mese: per vedere un numero di positivi giornalieri sotto la soglia di 20 mila bisogna andare indietro a lunedì 26 ottobre (erano 17.012 con un tasso del 13,6%). Una buona notizia, anche se il rapporto di casi su tamponi sale al 12,5% dall’11,7% di ieri. Ricordiamo che lo scorso lunedì i casi erano 22.930 con un tasso del 15,4%. Siamo lontani del picco del 13 novembre (erano oltre 40 mila con un tasso del 16%), ma con dati alti. Per tenere sotto controllo l’epidemia bisogna scendere a cinque-diecimila positivi giornalieri: soltanto con questi numeri è possibile riprendere il contact trancing, come dice il virologo Fabrizio Pregliasco.

Per la prima volta nella seconda ondata è l’Emilia-Romagna la regione più colpita con +2.041 nuovi contagi (quasi 11 mila test), seguita dal Veneto (+2.003) e dalla Lombardia (+1.929). Poi ci sono: Campania (+1.626), Lazio (+1.589), Piemonte (+1.185 ), Sicilia (+1.138) e Puglia (+1.102).

Aumentano le vittime. Nessuna regione registra zero decessi, mentre il maggior numero di morti si ha in Lombardia (+208), Piemonte (+85), Sicilia (+49), Campania (+42) e Toscana (+40).

In crescita i malati nei reparti Covid ordinari. I pazienti ricoverati con sintomi sono 33.187 (+308, +0,9%; ieri -420), mentre quelli più gravi in terapia intensiva sono 3.744 (-9, -0,2%; ieri -9). Questi dati sono visibili nella tabella in alto, nella seconda e nella terza colonna da sinistra. Nella seconda ondata abbiamo superato il picco delle degenze ordinarie (oltre 29 mila) di marzo-aprile (vedi 11/11), ma non siamo mai arrivati al picco di 4.068 malati in terapia intensiva che si è verificato il 3 aprile.

Qui tutti i bollettini dal 29 febbraio. Qui le ultime notizie della giornata.

Il Corriere ha creato una newsletter sul coronavirus. È gratis: ci si iscrive qui.

I casi Regione per Regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per Regione, è quello dei casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia: include morti e guariti). La variazione indica il numero dei nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore, mentre la percentuale rappresenta l’incremento rispetto al giorno precedente, calcolata sul totale regionale. In aggiunta i tamponi giornalieri.

Lombardia 407.791 (+1.929, +0,5%; ieri +3.203) - tamponi: 16.987


Piemonte 167.516 (+1.185, +0,7%; ieri +2.021) - tamponi: 12.290
Campania 155.319 (+1.626, +1,1%; ieri +2.022) - tamponi: 14.286
Veneto 145.592 (+2.003, +1,4%; ieri +2.617) - tamponi: 8.985
Emilia-Romagna 123.073 (+2.041, +1,7%; ieri +1.850) - tamponi: 10.992
Lazio 119.780 (+1.589, +1,3%; ieri +1.993) - tamponi: 20.008
Toscana 103.441 (+893, +0,9%; ieri +908) - tamponi: 10.383
Sicilia 63.686 (+1.138, +1,8%; ieri +1.024) - tamponi: 8.602
Puglia 54.320 (+1.102, +2,1%; ieri +907) - tamponi: 4.151
Liguria 51.684 (+236, +0,5%; ieri +437) - tamponi: 2.101
Friuli-Venezia Giulia 30.650 (+575, +1,9%; ieri +680) - tamponi: 6.980
Marche 29.806 (+252, +0,8%; ieri +518) - tamponi: 1.913
Abruzzo 28.024** (+556, +2%; ieri +413) - tamponi: 4.184
Umbria 23.808 (+68, +0,3%; ieri +310) - tamponi: 480
P. A. Bolzano 23.777 (+183, +0,8%; ieri +437) - tamponi: 1.002
Sardegna 21.475 (+329, +1,6%; ieri +416) - tamponi: 2.530
Calabria 16.714 (+270, +1,6%; ieri +294) - tamponi: 1.759
P. A. Trento 15.733 (+176, +1,1%; ieri +265) - tamponi: 737
Basilicata 8.142 (+92, +1,1%; ieri +172) - tamponi: 673
Valle d’Aosta 6.510 (+47, +0,7%; ieri +47) - tamponi: 575
Molise 4.713 (+87, +1,9%; ieri +114) - tamponi: 906

I decessi Regione per Regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per Regione, è quello dei morti totali dall’inizio della pandemia. La variazione indica il numero dei nuovi decessi registrati nelle ultime 24 ore.

Lombardia 21.855 (+208; ieri +135)


Piemonte 6.239 (+85; ieri +84)
Campania 1.673 (+42; ieri +36)
Veneto 3.711 (+34; ieri +33)
Emilia-Romagna 5.753 (+39; ieri +30)
Lazio 2.367 (+39; ieri +19)
Toscana 2.641 (+40; ieri +38)
Sicilia 1.555 (+49; ieri +45)
Puglia 1.483 (+30; ieri +21)
Liguria 2.387 (+7; ieri +19)
Friuli-Venezia Giulia 838 (+21; ieri +16)
Marche 1.264 (+9; ieri +13)
Abruzzo 893*** (+7; ieri +7)
Umbria 407 (+13; ieri +5)
P. A. Bolzano 531 (+1; ieri +7)
Sardegna 444 (+8; ieri +4)
Calabria 295 (+14; ieri +9)
P. A. Trento 654 (+13; ieri +12)
Basilicata 153 (+8; ieri +3)
Valle d’Aosta 315 (+4; ieri +1)
Molise 118 (+1; ieri +4)

Note:

*Il dato non corrisponde esattamente alla differenza dei casi totali odierni con quelli del giorno precedente per via di un ricalcolo dell’Abruzzo (vedi nota successiva).

**L’Abruzzo segnala che dal totale dei casi positivi è stato sottratto 1 caso dei giorni passati, in quanto caso duplicato. Inoltre è stato aggiornato il dato relativo ai ricoverati NON in t.i. che ieri domenica era stato sottostimato di 29 unità.

***La regione Umbria segnala che un ricalcolo sul numero dei decessi.

Articolo in aggiornamento...

Football news:

Klopp sul gioco con il Manchester United: non mi sento sotto pressione dall'esterno. Per tutta la vita mi sono messo sotto pressione, quindi sono abituato
Zlatan su 0:3 con Atalanta: dobbiamo andare per il risultato, e non abbiamo potuto. Non ci sono scuse
Ramos e Perez hanno una relazione molto strana. Sergio imprime nuovi contratti, e Florentino soddisfatto медиавойны
Ronald Koeman: se non superiamo Cornelia in 90 minuti, devo dire quello che vedo. Altrimenti è meglio trovare un altro allenatore
Antonio Conte: lo scudetto about l'ingresso in Champions League è più importante della Coppa Italia, ma cercheremo di battere il Milan
Golovin su 2 assist nel gioco con Marsiglia: il merito di tutta la squadra-lavoriamo molto sugli standard
Valencia può firmare l'attaccante del Bordeaux de Preville in estate gratis