This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

In ritardo il vaccino anti-influenzale: mancano le fiale in 12 regioni

In ritardo il vaccino anti-influenzale: mancano le fiale in 12 regioni, sono pronte solo Lombardia, Veneto, Liguria, Friuli, Toscana, Abruzzo e Basilicata

Vaccino antinfluenzale in ritardo in 12 regioni

In ritardo il vaccino anti-influenzale esattamente in un periodo e in un contesto in cui non dovrebbe esserlo come non mai: mancano le fiale in 12 regioni. E mancano malgrado una circolare che disponeva esattamente il contrario, cioè accelerare le somministrazioni per evitare una sovrapposizione in termini di effetti con il covid mutato, specie per anziani e fasce deboli. 

Vaccino anti-influenzale in ritardo: la circolare che chiedeva esattamente di non fare ritardo

Il ministero della Salute lo aveva detto chiaramente con una indicazione a mezzo circolare firmata da Giovanni Rezza addirittura l’8 aprile scorso: la vaccinazione antinfluenzale andava “anticipata a partire dall’inizio di ottobre”. E proprio quest’anno tra l’altro l’influenza stagionale non è una burletta ed è aggressiva.

In ritardo il vaccino anti-influenzale: il monitoraggio della Fimmg per l’Italia

Purtroppo e secondo un monitoraggio della Fimmg, la Federazione italiana medici di medicina generale, le cose non stanno così neanche oggi che siamo quasi a novembre: ci sono ancora molti medici in attesa della distribuzione del vaccino.

Il dato è che le regioni pronte sono meno della metà. Sono Lombardia, Veneto, Liguria, Friuli, Toscana, Abruzzo, Basilicata Puglia e Lazio, che aveva già iniziato il 5 ottobre. 

Vaccino anti-influenzale solo per gli anziani o con adiuvanti e in ritardo: ecco dove

Le altre hanno si dosi, ma solo per gli anziani. I medici di Emilia Romagna, Piemonte, Marche, Campania, Calabria e Sicilia hanno per esempio ricevuto solo le dosi di vaccino con gli adiuvanti.

Cosa sono? Quelli potenziati con sostanze che vengono aggiunte al principio attivo del vaccino per rafforzare l’efficacia della risposta immunitaria alla vaccinazione.