This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Incinta e positiva a Covid senza vaccino, partorisce due gemelli: è in rianimazione, gravi i figli

Positiva a Covid e incinta: una donna di 31 anni è finita in rianimazione al Policlinico di Napoli dopo aver dato alla luce due gemelli, nati prematuramente e che pesano meno di mille grammi. Sono tutti e tre in pericolo di vita, da qui il nuovo appello dei medici alla vaccinazione verso le donne incinte.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Restano gravissime le condizioni di una donna e dei suoi due gemelli dopo il parto: lei, 31 anni, positiva a Covid senza il vaccino, è in rianimazione all'ospedale Policlinico Nuovo di Napoli. I piccoli, nati prematuramente e con taglio cesareo, pesano meno di mille grammi. Sono tutti e tre in pericolo di vita, con i medici che stanno tentando l'impossibile per salvarli. Non si tratta del primo caso di donne incinte che non si sono vaccinate contro la malattia da Covid e che poi hanno sviluppato la malattia nella sua forma più grave, costringendole sia a parti prematuri sia a mettere a repentaglio la vita loro e quella dei neonati.

In tutta Italia i nati prematuri proprio perché le madri erano state colpite nei mesi di gravidanza dal Covid sono in forte aumento. In Campania sono stati diversi i casi di questo tipo: il caso più eclatante fu quello della ventottenne Palma, incinta del suo quarto figlio e finita in ospedale proprio per le complicazioni dovute al Covid durante il parto. Anche lei non vaccinata, era riuscita a mettere al mondo il bambino prima che le sue condizioni peggiorassero rapidamente. Dopo essere finita in rianimazione con un polmone quasi distrutto dal Covid e l'altro seriamente danneggiato, si è spenta dopo diversi giorni di ricovero proprio al Policlinico di Napoli. Il bimbo, invece, si è negativizzato nei giorni successivi e ha potuto abbracciare il padre e le tre sorelline. Ma i casi sono stati diversi, come denunciano i medici da quasi un anno: tanti i parti prematuri e tante le conseguenze spesso fatali per madri e figli, proprio perché le prime non risultano vaccinate.