Italy

Informazione: torna il Dig Festival 2021 'Unmute' (2)

default featured image 3 1200x900 768x576

(Adnkronos) – Fra i numerosi talk pubblici – con personaggi di primo piano nazionali e internazionali- al Dig Festival ci saranno "La realtà vista dalle macchine: potere e responsabilità nell'era dell'intelligenza artificiale", keynote di Frank Pasquale che si terrà venerdì 1 ottobre alle ore 17.00; "Come racconteremo la fine del mondo?", keynote di Mark O'Connell (sabato 2 ottobre, ore 17.00); "Deplatforming e algoritmi: la nuova sfera pubblica privatizzata", keynote di Jillian C.

York (domenica 3 ottobre, ore 17.00); "Il peso della responsabilità e la fatica dell’inchiesta. La giornalista freelance nella transizione libica", incontro con Nancy Porsia (sabato 2 ottobre, ore 19.00).

In programma anche un panel su Julian Assange e uno sul mercato della sorveglianza, e altri incontri, spesso in contemporanea nelle diverse location del Festival, con, tra gli altri, Francesco Costa, Annalisa Camilli, Carola Frediani, Diletta Huyskes, Vanessa Roghi, Riccardo Staglianò, Cecilia Sala, Costanza Galanti, Leonardo Tondelli.

Leggi anche

Football news:

Lo sceriffo, il capo del Gruppo D, sta andando Dall'Inter. Può fare un altro colpo e vincere?
Sulscher sulla situazione del Manchester United: naturalmente, la situazione non è divertente. Ma i progressi sono visibili
Dalla locomotiva vogliamo fare fare un falco pellegrino. La locomotiva ha spiegato lo stato di Rangnik, come cercare e vendere giocatori, perché sulla panchina Zorn
Wenger propone di introdurre un periodo di riposo obbligatorio per i giocatori e di fare pause per le partite nazionali meno spesso, ma più a lungo
L'attaccante di Lester Duck, cinque anni fa, ha giocato nel deserto africano. È stato trovato dallo zambiano Galiziano (mezzo russo!), Che ha venduto agli Ural lunga
Ronald Kuman: richiedere L'uscita Barca a 1/4, 1/2 about la finale di Champions League è anormale. Ci sono club con 23 giocatori della nazionale
Kick It Out vuole discutere urgentemente con Newcastle il comportamento dei fan. Indossavano oggetti simili ai cappelli sauditi