La gara valida per la 15esima di Serie A finisce 2-0: in gol anche Gagliardini

(LaPresse) – Un gol per tempo bastano all’Inter per battere in scioltezza lo Spezia dell’ex Thiago Motta e mettere pressione a Milan e Napoli, impegnate in serata rispettivamente contro Genoa e Sassuolo. Grazie al 2-0 contro i liguri, i nerazzurri di Simone Inzaghi sono momentaneamente secondi in classifica con 34 punti. Una partita senza storia, dominata in lungo e in largo dall’Inter contro un avversario sceso in campo forse già rassegnato alla sconfitta e con la testa ai prossimi impegni contro squadre più alla portata e contro cui ci si giocherà la salvezza. Inter a segno nel primo tempo con Gagliardini, mentre nella ripresa arriva l’ottavo centro stagionale per Lautaro Martinez, secondo di fila su rigore dopo quello di Venezia. Terza vittoria consecutiva per i campioni d’Italia, che si confermano in un ottimo momento di forma.

Per la sfida, fondamentale nella rincorsa nerazzurra, Inzaghi è costretto a rinunciare anche a Bastoni messo ko da una gastroenterite e di conseguenza schiera una difesa inedita con D’Ambrosio, Skriniar e Dimarco. Sulla destra gioca Dumfries, con Gagliardini, Brozovic e Calhanoglu in mezzo, Perisic a sinistra; in attacco torna titolare Lautaro con al fianco Correa, in panchina Dzeko. Novità anche nello Spezia, con Motta che schiera in attacco la coppia composta dai due ex nerazzurri Salcedo e Manaj. Di fatto il tecnico dei liguri tiene a riposo i titolari in avanti pensando già alla sfida sulla carta più abbordabile con il Sassuolo.

Il vantaggio siglato da Gagliardini

Inter vs Spezia - Serie A TIM 2021/2022
Inter vs Spezia - Serie A TIM 2021/2022

Inter vs Spezia – Serie A TIM 2021/2022

Come prevedibile, Inter subito protesa in avanti con gli ospiti tutti chiusi nella propria metà campo. Dopo una decina di minuti di forcing costante, nerazzurri pericolosi per la prima volta con un destro dal limite di Correa con palla di poco a lato. Al quarto d’ora tentativo di Brozovic da fuori area, nulla di fatto. Il croato ci riprova poco dopo, ma ancora il suo diagonale viene respinto dalla difesa spezzina. Dopo una ventina di minuti lo Spezia finalmente riesce a mettere la testa fuori dalla sua metà campo, Sala in contropiede impegna Handanovic dalla distanza. L’Inter insiste e si rende pericolosa ancora con Correa e Lautaro con due tentativi dal limite senza esito. Poi è la volta di Dumfries che impegna Provedel di potenza dal limite. Il gol è ormai maturo e arriva puntuale al 36′, firmato da Gagliardini con un destro di prima intenzione da dentro l’area su delizioso tocco di tacco smarcante di Lautaro. Prima dell’intervallo, Inter vicina anche al raddoppio con un destro da centro area di Correa deviato in angolo. Poi Handanovic sventa su colpo di testa di Amian su calcio d’angolo, unica vera occasione per lo Spezia.

Nell’intervallo Thiago Motta cambia i due esterni, dentro Ferrer e Bastoni al posto di Reca e Amian. La musica però non cambia, con l’Inter che continua a spingere alla ricerca del raddoppio. Il primo tentativo della ripresa è di Lautaro, con un destro dal limite bloccato da Provedel. Poi è Correa a sfiorare il raddoppio con un destro violento da centro area, respinto dalla traversa. Il bombardamento verso la porte dello Spezia prosegue con Brozovic, la difesa ligure si salva ancora. Dopo un altro tentativo di Calhanoglu sventato dallo Spezia, l’Inter trova il raddoppio al 58′ con Lautaro che trasforma un rigore concesso dall’arbitro per un fallo di

Inter vs Spezia - Serie A TIM 2021/2022
Inter vs Spezia - Serie A TIM 2021/2022

Inter vs Spezia – Serie A TIM 2021/2022

mani di Kiwior su tiro dello stesso giocatore argentino. Messo al sicuro il risultato, l’Inter si diverte e sfiora a ripetizione il terzo gol ancora con Calhanoglu, Perisic e Gagliardini. Nel finale, Inzaghi concede spazio anche a Sensi, Sanchez e Dzeko al posto di Calhanoglu, Correa e Lautaro. Dentro anche Vidal che nel recupero sfiora il tris. Di fatto poco più di un allenamento in vista dei prossimi impegni tra campionato e coppe, a partire dal big match dell’Olimpico contro la Roma di un altro grande ex come Jose Mourinho.

Leggi anche: La Juve si rialza contro la Salernitana

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata