Roma, 20 giu. (LaPresse) – Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha detto che l’elezione del nuovo presidente iraniano Ebrahim Raisi è un “campanello d’allarme” per le potenze occidentali. Parlando alla prima riunione del suo nuovo governo, Bennett, citato dai media israeliani, ha aggiunto che questa potrebbe essere l’ultima possibilità per l’Occidente di “capire con chi ha a che fare” prima di ritornare all’accordo sul nucleare iraniano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata