Italy

Israele, così i razzi dell’esercito abbattono i palazzi di Gaza: i video dei bombardamenti

Prosegue l’escalation di violenze in Medio Oriente con uno scambio di missili tra le città israeliane e quelle della Striscia di Gaza. Le immagini mostrano i razzi dell’esercito israeliano che si abbattono su alcuni edifici, ritenuti di proprietà di Hamas, nella città di Gaza. In 36 ore di conflitto, dall’enclave sono stati lanciati oltre mille razzi verso Ashkelon, Gerusalemme, Tel Aviv e altre zone dello Stato Ebraico. Dall’altra parte il governo guidato da Benjamin Netanyahu ha portato avanti almeno altrettanti 500 attacchi verso la Striscia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Usa, distributori a secco a causa del blocco del principale oleodotto del paese. Prezzo benzina ai massimi da 6 anni

next

Articolo Successivo

Conflitto Israele-Palestina, Abu Mazen e Netanyahu temono di perdere il potere: così lo scontro serve a mantenere lo status quo

next

Football news:

Mortin ricorda Euro 2004: ha quasi litigato nelle giunture, si è difeso contro il giovane Cristiano e ha capito l'eccitazione del ponte
Gareth Southgate: non dovremmo essere snob di calcio. Nelle partite con le migliori squadre è importante la diversità
Leonid Slutsky: è ancora convinto che la Finlandia sia l'outsider del nostro gruppo. Sono stati molto fortunati contro la Danimarca
Non sono razzista! Arnautovic si è scusato per gli insulti nei confronti dei giocatori della Nazionale della Macedonia Del Nord
Gary Lineker: Mbappe è una star mondiale, sostituirà Ronaldo, ma non Messi. Leo fa cose di cui gli altri non sono in grado
Un fan Spagnolo va alle partite della nazionale dal 1979. È arrivato in euro con il famoso tamburo (potrebbe averlo perso durante il Lockdown)
Ronaldo ha rimosso la coca-cola sponsorizzata in una conferenza stampa. Cristiano è duro contro lo zucchero-non lo pubblicizza nemmeno