Italy

Johnson impone agli inglesi il coprifuoco serale e minaccia un nuovo lockdown Video Trump all’Onu: «Covid, Cina responsabile»

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE LONDRA L’avvertimento di Boris Johnson non poteva essere più chiaro: la Gran Bretagna rischia un secondo lockdown nazionale se i cittadini non si atterranno scrupolosamente alle nuove restrizioni decise ieri. Il primo ministro ha annunciato in Parlamento il coprifuoco per pub e ristoranti, che da giovedì dovranno chiudere alle 10 di sera. Marcia indietro anche sul tentativo di incoraggiare gli impiegati a tornare in ufficio: chi può, è preferibile che lavori da casa. Esteso l’obbligo delle mascherine e tagliato a 15 il numero massimo di partecipanti ai matrimoni. Scuole e aziende, invece, restano aperte.

Ma quando poi, alle 8 di sera, Boris è comparso sugli schermi televisivi, il suo tono è apparso quasi minaccioso: «Ci sono state troppe violazioni delle regole», ha detto, e dunque verranno introdotte multe fino a 10 mila sterline per i trasgressori e addirittura la polizia sarà appoggiata dall’esercito nell’opera di sorveglianza di misure che resteranno in vigore almeno per i prossimi sei mesi.

«Sono riluttante», ha detto Johnson, a imporre nuove restrizioni: il «buon senso» della gente è l’arma migliore contro il virus, e per questo ha fatto appello allo spirito di solidarietà dimostrato dai britannici durante i mesi più cupi. Ma se queste misure non dovessero funzionare, non ha escluso il ricorso a più drastiche chiusure.

Quella di ieri è la prima risposta di Londra all’impennata dei contagi, che vede ormai oltre 4 mila nuovi casi al giorno: il governo teme che il Paese si stia avviando sulla stessa scia di Spagna e Francia e dunque ha deciso di tirare il freno d’emergenza. E nel caso in cui questa prima stretta non dovesse dare gli effetti sperati, si parla di un lockdown generalizzato di due settimane tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre, in coincidenza con le vacanze scolastiche.

Il pubblico è stato preparato al peggio lunedì da una drammatica conferenza stampa tenuta dal consigliere medico e dal consigliere scientifico del governo: di questo passo, hanno spiegato, la Gran Bretagna rischia di arrivare a 50 mila contagi e 200 morti al giorno (anche se si tratta di livelli ancora lontani dal picco dell’epidemia ad aprile, quando si contavano quasi mille decessi giornalieri: e infatti tuttora il numero dei ricoveri ospedalieri e dei morti resta bassissimo).

Johnson però non vuole correre rischi e ha innestato la retromarcia: solo l’intervento del Cancelliere dello Scacchiere, Rishi Sunak, che teme per la tenuta dell’economia, lo ha dissuaso dall’imporre la chiusura immediata di pub e ristoranti, come reclamato da altri ministri. Il governo si trova infatti a percorrere un sentiero strettissimo: come evitare che l’epidemia torni a dilagare senza strangolare l’incipiente ripresa economica.

La gente, però, è disorientata: dalle autorità sono arrivati tanti messaggi contraddittori che è difficile raccapezzarsi. Ma Johnson deve guardarsi anche dai brontolii sempre più forti che arrivano dalla pancia del partito conservatore, ostile a nuove misure restrittive. In più, è arrivata una lettera firmata da 32 scienziati che sostengono che la strategia delle chiusure è sbagliata e provoca più danni che benefici.

Ma nel suo discorso di ieri sera Johnson ha affrontato di petto questi argomenti e ha respinto l’idea che ci si potrebbe limitare a isolare soltanto gli anziani e le persone vulnerabili.

«Ci aspettano mesi difficili», ha avvertito il premier, che se fino a poco fa sperava di poter tornare alla normalità per Natale, ora è stato costretto a indicare la primavera prossima come orizzonte di speranza. Nel frattempo, comunque vada, a Londra sarà un autunno caldo.

Football news:

Sandro tonali: Milano sulla cresta dell'onda. Il centrocampista del Milan Sandro tonali ha condiviso le sue impressioni sul gioco per il club dopo il passaggio da Brescia
Il consigliere Kadyrov ha colpito il giudice all'inguine e suo figlio è stato licenziato da Ahmat e bandito per tre anni. All'inizio negarono tutto ciò che era buio
AEK Carrera ha perso entrambe le partite in Europa League con un punteggio complessivo di 1:5
Stefano Pioli: Milano non ha ancora ottenuto nulla. La stagione è lunga, incontreremo difficoltà
Mourinho Pro 0-1 con Anversa: la squadra migliore Ha Vinto e la peggiore ha perso
Bale non ha fatto un'azione efficace nelle prime tre partite per il Tottenham. Non segna da gennaio
Padre Courtois: Kaylor Navas non era un buon compagno di squadra. Quando è andato al PSG, tutto è diventato più facile