Italy

L'Aquila Basket artiglia i playoff. La serie è contro Milano. Trainotti: ''Una qualificazione meritata, coach Molin ha trasmesso alla squadra i valori del club''

TRENTO. Chiusa la regular season e centrata la qualificazione ai playoff scudetto per la sesta volta consecutiva da quando i bianconeri sono in serie A, il general manager della Dolomiti Energia Trentino, Salvatore Trainotti, ha tracciato un punto della situazione in casa Aquila alla vigilia della sfida dei quarti di finale.

"Voglio prima di tutto ringraziare e fare i complimenti a tutta la squadra, ai giocatori e allo staff per la qualificazione ai playoff - commenta il gm bianconero - un risultato che si sono meritati con un rush finale di alto livello per risultati e prestazioni. Credo che sia importante non dare per scontato che siamo arrivati di nuovo nelle migliori otto squadre italiane, dopo aver sfiorato anche l’accesso ai quarti di finale di EuroCup".

L'avversaria sul cammino dell'Aquila Basket è l'Olimpia Milano. "Ora andiamo a giocarci questi playoff contro una squadra che ha tradizione e solidità - dice Trainotti - che è molto ben allenata e ha un gruppo di giocatori di enorme talento. Sono gli ingredienti fondamentali delle squadre vincenti e non a caso sono entrati nelle Final four di Eurolega: i pronostici, come è giusto che sia, sono tutti dalla loro parte, ma noi li affrontiamo con umiltà e ambizione, cercando di mettere in campo la stessa mentalità mostrata anche nell’ultima vittoria contro Bologna".

E' stata una corsa lunga, ricca di ostacoli e difficoltà superate di slancio da un gruppo capace di compattarsi nel momento decisivo della stagione, decisivi i sette successi ottenuti nelle ultime nove partite di regular season, un ruolino di marcia che ha proiettato Trento dalle parti basse della classifica fino all'ottavo posto in graduatoria.

"Se ci sarà una possibilità - conclude Trainotti - cercheremo di cogliere le occasioni. In questo momento abbiamo la testa sul match di giovedì e su questa serie, ai playoff non ci si può permettere di sprecare un grammo di energie pensando ad altro. Coach Molin ha svolto un lavoro tecnico in palestra di altissimo livello, il campo ha parlato per lui, e parallelamente ha avuto grande qualità nel saper trasmettere alla squadra i valori del club, che la squadra ha espresso con disciplina sul campo, voglia di competere e di migliorarsi giorno dopo giorno".

La Dolomiti Energia Trentino per la quarta volta si troverà sulla strada l'Olimpia Milano: nel 2016 a imporsi nei quarti di finale furono le scarpette rosse (3-0), l'anno successivo nel 2017 invece i bianconeri compirono una delle più grandi imprese dello sport trentino piegando la corazzata lombarda 4-1 nelle semifinali al meglio delle sette partite. Nel 2018 la rivalità culminò con la sfida in finale che vide Milano tornare campione d'Italia dopo un'intensissima battaglia sportiva lunga sei partite (4-2 Olimpia). 

Più in generale, l'Olimpia è l'avversaria più affrontata da Trento da quando i bianconeri sono in serie A, alla pari con Venezia: 30 incontri, 11 risolti a favore di capitan Forray (sempre presente) e compagni. L'ultimo precedente è dello scorso 7 marzo, quando alla Blm Group Arena la Dolomiti Energia interruppe una striscia di otto sconfitte consecutive in campionato grazie a un tap-in di Martin a pochi istanti dal termine: il 61-60 in favore di Trento è stato il primo di una serie di fondamentali successi nella corsa playoff dei bianconeri. 

Il calendario della serie

Gara-1: Armani Exchange Milano - Dolomiti Energia Trentino, giovedì 13 maggio - ore 17.30, RAI Sport HD

Gara-2: Armani Exchange Milano - Dolomiti Energia Trentino, venerdì 14 maggio - ore 19.00, Eurosport 2

Gara-3: Dolomiti Energia Trentino - Armani Exchange Milano, domenica 16 maggio - ore 20.45, Eurosport 2

(ev) Gara-4: Dolomiti Energia Trentino - Armani Exchange Milano, martedì 18 maggio

(ev) Gara-5: Armani Exchange Milano - Dolomiti Energia Trentino, giovedì 20 maggio

Football news:

La mamma non mangiava la sera perche ' ci lasciava tutto. La nuova stella della Nazionale inglese Calvin Phillips
Wijnaldum ha festeggiato il gol Ucraina nello stile di van Dyck. Lo ha già fatto-sostiene costantemente un amico
Andrei Shevchenko: L'Ucraina ha trovato la forza di invertire il corso del gioco, andare all'attacco. La squadra ha dimostrato molto bene
Yarmolenko su 2:3: I Paesi Bassi sono una delle migliori squadre del mondo. Ma questo non è stato un gioco in una porta
Ilya Hercus: L'Olanda è più forte Dell'Ucraina. Classe è una classe
L'Ucraina ha perso 6 partite consecutive in euro, ripetendo l'anti-record della squadra jugoslava
Dumfries è diventato un giocatore della partita Paesi Bassi-Ucraina. Ha segnato il gol della Vittoria