Italy

L'infettivologo Bassetti: "Basta TafazziI dati dicono che l'emergenza è finita"

"Io non vedo una situazione così incontrollata dal punto di vista del sistema sanitario. Mi pare che gli ospedali si stiano svuotando, ci sono poco meno di 60 persone in terapia intensiva in Italia e su 60 milioni di abitanti abbiamo circa 700 persone in ospedale e che a breve immagino verranno dimesse. Se ragioniamo su questi numeri l'Italia non è in emergenza come era a febbraio o marzo. Le decisioni sono politiche e le accettiamo. Forse però l'emergenza andrebbe prorogata di mese in mese".

A parlare all'Adnkronos Salute è Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e presidente della Società italiana di terapia antinfettiva (Sita) "Prolungando lo stato di emergenza fino a dicembre, l'immagine che diamo all'estero dell'Italia non è bella. Così sembra che siamo tornati alla situazione di febbraio-marzo mentre invece bisognerebbe dire che abbiamo fatto un lavoro eccezione - precisa Bassetti - Abbiamo ridotto significativamente la mortalità dei nostri malati curandoli meglio grazie ai nostri protocolli di trattamento, dimettendone moltissimi ogni giorno e facendo il tracciamento con milioni di tamponi a nuove persone positive per isolarle ed evitare nuovi contagi. E invece - conclude l'infettivologo - i media e la comunicazione istituzionale continuano a dare messaggi sbagliati e ci sia molto da fare".

Football news:

Gattuso sulla partita contro barca: Napoli salirà Sull'Everest
Lampard sulla partita contro il Bayern: la storia conosce le partite quando le cose sono cambiate. Chelsea ha bisogno di fiducia
Zinedine Zidane: sono l'allenatore del Real Madrid finché non succede qualcosa di straordinario
Varan sulla partenza da Champions League: Questa è la mia sconfitta. E ' un peccato per i soci
Guardiola sulla conversazione con Zidane: si è congratulato con la Liga, ha chiesto della famiglia. Spero che un giorno potremo cenare e parlare di tutto
Sarri sul futuro: non credo che i boss prendono decisioni sulla base di una partita. Apprezzeranno l'intera stagione
Il trasferimento di Lewandowski al Borussia Dortmund è stato considerato un errore. Ha frustato i momenti e ha perso la competizione per il futuro giocatore di Spartacus