Italy

La commemorazione delle vittime del Morandi a due anni dal crollo. I parenti: “Ora il Parco della memoria per non rifare gli stessi errori”

Alle 10:45 il premier Giuseppe Conte parteciperà alla cerimonia privata organizzata dal comitato familiari, insieme a Paola De Micheli, Alfonso Bonafede, il sindaco Marco Bucci e il presidente della Regione Giovanni Toti. Non ci sarà il capo dello Stato Sergio Mattarella. Nell’area sotto le campate del nuovo ponte San Giorgio sorgerà il Parco con il memoriale pensato dall’architetto Stefano Boeri

Ore 19 - iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

A due anni di distanza dal crollo del ponte Morandi, a Genova è il giorno della commemorazione delle 43 vittime del disastro del 14 agosto 2018. Alle celebrazioni, nell’area sotto le campate del nuovo ponte San Giorgio inaugurato lo scorso 3 agosto, c’è anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Che parteciperà, dalle 10:45, alla cerimonia privata organizzata dal comitato dei familiari delle vittime, insieme al ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli, al titolare del Viminale Alfonso Bonafede, al sindaco Marco Bucci e al presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. Non ci sarà il capo dello Stato Sergio Mattarella, che ha però inviato una lettera al Secolo XIX, in cui ricorda di aver incontrato i familiari prima dell’inaugurazione del nuovo Ponte e scrive: “La loro giusta richiesta di verità e giustizia per i propri cari, inghiottiti dal crollo del Ponte, è stata accompagnata dalla forte e sofferta esortazione che vengano in ogni modo evitati in futuro disastri simili con nuovi lutti e nuove vittime”.

Il primo appuntamento è alle 9 nella chiesa di San Bartolomeo della Certosa dove verrà celebrata la messa in suffragio delle vittime, presieduta dal nuovo Arcivescovo di Genova, Marco Tasca. Alle 11.36, l’ora del crollo, verrà osservato un minuto di silenzio seguito dalla lettura di alcune parti del libro dedicato alle vittime. Durante la mattina anche una performance di danza e musica con gli archi del Carlo Felice e la soprano Barbara Bargnesi. E’ stato inoltre previsto un momento di raccoglimento celebrato dall’Imam di Genova Salah Husein. Alle 15, nella sede del Comune a palazzo Tursi, verrà scoperta la targa con i nomi di chi perse la vita nel crollo del viadotto di Genova. In serata sono state organizzate tre fiaccolate, aperte al pubblico, con partenza da Cornigliano, Certosa e Sampierdarena, e arrivo in via Fillak nella nuova Radura della Memoria, dove sorgerà il più ampio progetto del Parco del Ponte con il memoriale pensato dall’architetto Stefano Boeri.

Nell’area sono state piantate 43 specie arboree, in loro ricordo. “Lo scopo del nostro comitato è il Parco della Memoria, un monumento alla memoria stessa: se non abbiamo quella commettiamo gli stessi errori”, ha spiegato la portavoce del Comitato in ricordo delle Vittime del Ponte Morandi Egle Possetti. “E’ stato fatto un primo allestimento – aggiunge Possetti – con questi alberi che saranno poi interrati in modo definitivo in quello che sarà il Parco. Il comune lo ha voluto per dare un primo segnale di quello che sarà poi il progetto futuro. Ne siamo contenti. Ci aspettiamo che tutto il progetto venga definito e speriamo ci sia lo stesso entusiasmo nel progettare il memoriale come per il ponte. Abbiamo chiesto di fare la cerimonia lì e in quel punto arriveranno le tre fiaccolate. Speriamo che, con il nuovo ponte partito e funzionante, si dia impeto alla costruzione del memoriale che prevede anche un grande progetto di riqualificazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Discoteche, fonti di governo: “Tenerle aperte è un rischio”. Il coordinatore del Cts Miozzo: “Le aggregazioni di massa sono devastanti”

next

Football news:

Sulscher sui trasferimenti: nessuna notizia. Lavorare con quello che è, il Manchester United ha una grande line-up
Guardiola ha confermato che Zinchenko rimarrà a Man City
Il Bayern ha vinto 5 trofei in un anno. Per ripetere il record del Barça è necessario prendere un altro
Flick ha preso 5 trofei con il Bayern dopo 40 partite
ALVARO GONZALEZ non è un razzista. Qualsiasi accusa contro di lui è ingiusta e infondata
Sharonov entrerà nella sede del Paphos cipriota. La squadra ha guidato l'Ucraino Mikhailenko
Man City ha offerto a barca di affittare Zinchenko. Gli inglesi vogliono firmare Tagliafico