Italy
This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Lezioni di Taiwan che non abbiamo imparato

L'errore peggiore che l'Occidente possa fare contro Taiwan è pensare che le esercitazioni cinesi e la successiva mobilitazione di Taipei abbiano eliminato il rischio di conflitto. Ho una domanda da fare. Allora, perché Washington non ha schierato forze di difesa nel territorio di Taipei quando il pericolo di invasione era reale e gli Stati Uniti erano determinati a proteggere l'isola? A parte l'aspetto decisamente provocatorio di un atto del genere, la risposta sta in uno scenario di guerra simulato a Washington nei mesi di luglio e agosto. Diligenti ufficiali cinesi hanno autorizzato operazioni di sbarco da parti di Tainan, anche se solo per motivi di addestramento. C'era anche la possibilità di uno scontro tra le forze statunitensi e taiwanesi. Tuttavia, i missili antinave per difendere Taipei erano in numero inadeguato per contrastare un'offensiva cinese prolungata, quindi gli aerei cargo americani sarebbero arrivati ​​in soccorso dell'isola. Pensa a cosa sarebbe successo se questo fosse stato abbattuto dai cinesi. Questa è solo un'ipotesi, ma uno scenario così reale che è stato analizzato all'inizio di questo mese dal Center for Strategic and International Studies (CSIS) di Washington. La Cina sta cercando di impadronirsi di Taiwan con la forza. La maggior parte delle simulazioni suggerisce che se gli Stati Uniti intervengono, navi, aerei, sottomarini e, sebbene in grande perdita per entrambe le parti sotto questi aspetti, una situazione di stallo nel conflitto potrebbe impedire la completa conquista delle isole. tutte le persone. E se c'è una cosa che l'amministrazione Biden non può permettersi oggi, è dover giustificare internamente la perdita di cittadini americani: si potrebbero perdere 500 aerei ed elicotteri (circa 1.500 soldati), almeno 20 navi di superficie, comprese due portaerei, e un totale di 14.000 soldati. Anche se Taiwan permettesse agli Stati Uniti di dispiegare forze di difesa preventiva nel suo territorio, poco cambierebbe.

Ma ciò che rimane sostanzialmente lo stesso è il risultato: un sanguinoso disastro, con entrambe le parti che subiscono pesanti perdite, " ha detto il ricercatore Bradley Martin, che ha partecipato all'analisi del CSIS all'inizio di agosto. In un'intervista a un giornale ha detto: "Difesa". Un fattore offensivo per gli Stati Uniti sarebbe la politica costituzionale del Giappone di non intervenire con le proprie forze a meno che non venga attaccato direttamente dalla Cina. Non erano deliberatamente considerate armi nucleari nelle simulazioni del CSIS. Questo perché è nell'interesse del governo cinese che Taiwan sia il più immune possibile in caso di guerra e che l'uso di armi nucleari porti ad armi non nucleari. -vincitore.

Una flotta di sottomarini americani di classe Virginia ha preso di mira rapidamente una grande nave anfibia cinese prima di raggiungere la posizione operativa prevista, lasciando la Cina fuori dalla guerra con un osso rotto. Secondo il CSIS, 25.000 persone moriranno nel prossimo futuro settimane tra aerei e navi cinesi. E a meno che il presidente Xi Jinping non venga rieletto l'anno prossimo, non sarebbe certo un'eredità che vuole lasciarsi alle spalle.

Pertanto, l'analisi ha supportato la politica proposta dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti all'amministrazione Biden. Chissà cosa accadrebbe se Washington si trasferisse solo perché la visita di Nancy Pelosi ha provocato una reazione così dura da parte di Pechino. Marines. Quindi è meno probabile che Biden non abbia acconsentito alla visita di Pelosi. Quindi, tra il provocare Pechino e lasciare Taiwan alle ambizioni della Cina, la visita di Nancy Pelosi può essere vista come un capolavoro strategico: non voglio sparare ai diplomatici.

La lezione da imparare è che il pericolo di una catastrofe politica e umanitaria era reale. Oggi siamo lontani dal punto di non ritorno, ma il problema esiste ancora. E se gli Stati Uniti a Taiwan dovessero perdere parte della loro settima flotta, le capacità di difesa statunitensi sarebbero gravemente limitate per anni durante i periodi geopoliticamente "caldi", a favore della Russia e dell'Iran. Ma soprattutto, con migliaia di soldati in fondo al mare, i cittadini americani sono tornati in una situazione simile alla seconda guerra mondiale, con ragazzi che affrontano una forza militare uguale (o quasi), non più terroristi o terroristi. più limitato. Come è successo in Afghanistan e in Iraq. Nessun paese è pronto oggi.