Italy

La proposta di Tridico: "Basta con lavoratori pagati 4 o 6 euro l'ora. E sì al riscatto gratis della laurea"

Il presidente dell'Inps, intervenuto a Futura, a Bologna, analizza e critica l'assenza di diritti e la corsa al ribasso nelle paghe. In un'economia che non genera lavoro

Pasquale Tridico, alla guida dell'Inps

Pasquale Tridico, alla guida dell'Inps

Lavoratori, per lo più giovani, pagati 6 euro l'ora; ragazzi che entrano tardi nel mondo del lavoro e in modo precario, con salari bassi che si tradurranno in pensioni basse; donne ancora costrette a firmare dimissioni in bianco; un Sud dove il lavoro femminile è molto lontano dalla media europea. Se c'è un'emergenza nel mondo del lavoro italiano, è la condizione dei giovani, delle donne e del Sud. Realtà già fragili che la pandemia ha ulteriormente minato e che quindi vanno aiutate. A richiamare l'attenzione su quest'urgenza è il presidente dell'Inps Pasquale Tridico, che spinge sul salario minimo ma suggerisce anche altri strumenti mirati, dal riscatto gratuito della laurea alla decontribuzione per le neo-mamme.

Basta con la gara al ribasso su paghe e diritti

Oggi sono "oltre 2 milioni i lavoratori" che vengono pagati 6 euro netti all'ora. "Ci sono riders che corrono e fanno incidenti anche mortali e guadagnano 4 euro all'ora. Questo non è tollerabile. Non è tollerabile in un'economia avanzata", mette in chiaro Tridico intervenendo a Futura, la tre giorni della Cgil a Bologna. Così come non è tollerabile che al Sud lavori il 20% di donne quando la media europea è al 70%. Per non parlare del fatto che una donna con figlio rinunci a 5 mila euro in media di stipendio rispetto a una donna che non ha avuto figli. Del crescente gap di salario tra donne e uomini. E del fatto che le vittime di salari bassi siano proprio giovani e donne. Le stesse categorie che durante la pandemia sono state maggiormente colpite. E' quindi da qui che bisogna ripartire. "Focalizziamoci sui problemi: le fragilità nel nostro paese oggi sono donne, giovani e sud. Sono le emergenze", evidenzia Tridico, suggerendo di "focalizzare gli incentivi sulle assunzioni su queste categorie".

Verso a fine di un tabù: poter riscattare gratuitamente la laurea

Un aiuto con un impatto positivo sulle donne "è una decontribuzione piena per la donna che ritorna dopo la maternità", suggerisce Tridico. Per i giovani, invece, che entrano tardi nel mondo del lavoro perché studiano e rischiano di vedere il loro salario basso di oggi tradursi in una pensione bassa domani, bisogna "incentivare la formazione" permettendo "il riscatto gratuito della laurea per fini pensionistici" e pensare ad una "pensione di garanzia". Si potrebbe poi rafforzare l'apprendistato e riproporre la decontribuzione Sud che "ha funzionato". "Determinante" per giovani e donne, comunque, è il salario minimo, sottolinea il presidente dell'Inps, che proprio all'evento della Cgil ci tiene a sottolineare: "L'idea di introdurre un salario minimo non è contro il sindacato, anzi è completamente integrato". E alle diffidenze della Confindustria di Bonomi su questo strumento, replica: esiste in 24 paesi europei e "laddove è stato introdotto la letteratura economica dimostra che ci si è spostati su produzioni e frontiere produttive più adeguate". Dove c'è il salario minimo su un livello adeguato "spinge le imprese a scegliere strategie di investimenti che sfruttino maggiormente il capitale e l'innovazione piuttosto che il lavoro a basso costo e questo porta incrementi di produttività", quindi crescita.
In questo quadro, comunque, il Reddito di cittadinanza, misura bandiera del M5s, ha consentito di introdurre "un dividendo sociale", lo difende Tridico.

La mancanza di lavoro e l'immigrazione interna

In un paese in cui abbiamo alti tassi di disoccupazione "perché l'economia non genera" posti di lavoro, con una ripresa dell'immigrazione interna che ha visto negli ultimi 10 anni 1,7 milioni di ragazzi emigrare verso il nord e l'estero, il reddito di cittadinanza è stato comunque "un piccolo sostituto, non sufficiente, di contrasto alla povertà che era necessario".

Football news:

Ronaldo sulla critica di Sulscher: i giocatori del Manchester United devono assumersi la responsabilità per se stessi. Tutti nella stessa barca
Sulscher Pro Manchester United: non siamo contenti di aver perso punti. Ma Ronaldo è con noi solo un mese, Sancho due. Aggiungeremo
Müller su Kimmich: come compagno di squadra sono a favore della vaccinazione, se penso agli altri come amico, posso prendere la sua decisione
Chelsea non comprera ' Saul. Ha trascorso 45 minuti in APL
Pioli su 4:2 con Bologna: il Milan ha sbagliato a decidere che il gioco è finito a 2:0, ma ha trovato la forza per vincere
Steve McManaman: Rüdiger è migliore dei difensori del Real Madrid e lo renderà più forte. Presto sarà il posto più affascinante del mondo
Il Milan ha vinto 8 delle prime 9 partite del campionato per la prima volta dalla stagione 1954/55