This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Li rimprovera perché facevano rumore sotto casa e loro la massacrano di botte: denunciati tre ragazzi

Tre ragazzi sono stati denunciati con l’accusa di lesioni nei confronti di una donna di 55 anni che, una decina di giorni fa, era stata massacrata dopo che aveva chiesto ai giovani di fare meno chiasso. A guidare il pestaggio, secondo quanto scoperto dai carabinieri, sarebbe stata una ragazza di 23 anni.

Aveva chiesto di non fare rumore, ma loro per tutta risposta l'hanno massacrata di botte: è successo a Lecco, il 7 ottobre scorso. Oggi sono stati identificati tre ragazzi. Tutti dovranno rispondere della accusa di lesioni nei confronti della donna di 55 anni che, dopo essere stata ricoverata in ospedale, è stata dimessa con una prognosi di 25 giorni. A guidare l'aggressione, secondo quanto accertato dai carabinieri, sarebbe stata una ragazza di 23 anni.

La donna è stata colpita con un casco

La 23enne, insieme a due ragazzi di 18 e 22 anni, l‘hanno picchiata con calci e pugni e poi l'hanno colpita con un casco. Sembrerebbe che, durante l'aggressione, ci fossero altri ragazzi presenti. Al momento però non ci sono ulteriori provvedimenti: i militari stanno ancora analizzando le immagini delle telecamere del condominio per ricostruire la vicenda. Al momento quello che si sa è che la donna aveva chiesto ai giovani di fare meno chiasso. Da lì il pestaggio. Sentito quanto stava accadendo, un vicino di casa è sceso ad aiutare la donna. E anche lui, racconta una vicina al quotidiano "Il Corriere della Sera", è stato preso a calci e pugni. L'uomo è stato portato in ospedale e dimesso con dieci giorni di prognosi.

Potrebbero esserci altre persone coinvolte

I giovani sono fuggiti solo una volta arrivati i carabinieri. Da allora i militari si sono messi a lavoro per cercare di risalire alle loro identità: grazie alle testimonianze dei presenti e ai video, è stato possibile risalire ai tre. La vicenda ha sconvolto tutti i condomini dei palazzo che, a loro dire, non avevano mai assistito a nulla del genere nel quartiere.