Italy

Linus e Jerry Calà contro i “vitelloni”: “La movida? Macché ragazzini, le mine vaganti sono i 35-40enni con spritz e mascherina calata”

Secondo il deejay e il comico la colpa delle scene che si sono verificate è dei cosiddetti "vitelloni", ovvero gli over 35, i veri incoscienti di questa Fase 2

Le immagini arrivate nel weekend con centinaia di persone accalcate nelle zone della movida di tutta Italia, da Milano a Napoli e Brescia, hanno scatenato grandi polemiche e tra i critici ci sono anche Linus e Jerry Calà. Secondo il deejay e il comico la colpa delle scene che si sono verificate è dei cosiddetti “vitelloni”, ovvero gli over 35, i veri incoscienti di questa Fase 2.

“Il mondo di giovani o finti giovani, non dei 18enni ma dei 35-40enni che se lo possono permettere e che non si rassegnano a mollare il ruolo di vitelloni, termine che li fotografa perfettamente – ha spiegato Linus in un’intervista all’Huffington Post -. Eterni bambinoni che tutte le sere devono avere una birra in mano, secondo me i più pericolosi in questo momento, che sembra non gliene freghi niente di quello che è successo”.

E Jerry Calà, che da anni anima molte feste e di movida ne sa qualcosa, concorda: “Sono uscito e chi ho trovato per strada? Non certo i ragazzini, che erano molti meno di quanti sono di solito. Erano molto più numerosi i vitelloni, come li chiama Linus, ossia i quarantenni in gruppo – ha detto a Il Giornale -. Tanti erano con la mascherina calata intorno al collo e lo spritz in mano. Sembrava quasi non gliene fregasse nulla di ciò che è accaduto e sta ancora accadendo. Questo sarebbe un fenomeno da studiare anche da un punto di vista sociologico. Sono i quarantenni cresciuti con gli spritz che forse credono di non poterne più fare a meno”.

“Oltre a creare un pericolo oggettivo, procurano anche un pesante danno di immagine perché le loro foto, quando poi escono sui giornali o sui social, fanno cambiare idea anche a chi aveva deciso di uscire rispettando le regole – ha concluso Calà -. Pensano che sia rischioso fare due passi in giro, prendersi un gelato o mangiare finalmente qualcosa al ristorante. E restano a casa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Elena Aubry, le ceneri rubate da un necrofilo: “Cerco la donna dei miei sogni, il mio amore”. La madre della giovane: “È una persona pericolosa e deve stare in galera”

next

Football news:

Neuer-in porta, Hakimi e Davis bruciano i fianchi, davanti – Sancho, Müller e Lewandowski. Hanno raccolto il dreamtim della Bundesliga-19/20
Casillas non è quasi presente nel video in onore della vittoria della Spagna a Euro 2012. Forse ha a che fare con la sua candidatura alla presidenza della FFI
Il futuro di Sethien a barca e ' in pericolo. I giocatori non lo supportano
Trento sulla motivazione: Ronaldo e Messi non si rilassano mai. Più vinci, più vuoi continuare
Conte sulla critica: attacca me, non il club about i miei giocatori. Ci sono persone che vogliono vedere il bicchiere mezzo vuoto
Ancelotti su Everton: siamo lieti di candidarci per L'Europa League
Christophe Dugarry: Setien è semplicemente incompetente. Sono sicuro che non ha nulla contro Griezmann