This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Livorno, incendio nella zona industriale: colonna di fumo visibile da tutta la città

Terribile incendio in quel di Livorno, precisamente nella zona della raffineria. Le fiamme hanno abbracciato alcuni stabili allocati sulla costa. Ci troviamo nella zona nord della città, al porto industriale. Moltissime foto hanno fatto la propria apparizione sui social, mostrando una densissima e alta colonna di fumo nero. (Continua dopo la foto)

La minacciosa colonna rimane visibile da tutta la città, con conseguente raccomandazione da parte della Protezione Civile di tenere le finestre ben chiuse. Una volta allertate sono giunte sul luogo della raffineria di Livorno le squadre dei vigili del fuoco del comando della città. I lavori all’interno della raffineria, ogni giorno affollata da centinaia di persone tra dipendenti e ditte esterne, sono ovviamente sospesi. (Continua dopo la foto)

Incendio Livorno raffineria, la Protezione Civile: “Chiudete tutte le finestre”

Avvolta nel terribile incendio la ex Stanic: chiamata così dai livornesi, una imponente struttura ormai di proprietà dell’Eni. Hanno rimbombato ovunque alcune esplosioni, almeno un paio stando a quanto riferisce chi era presente. Post esplosione l’incendio è divampato con fiamme molto alte che hanno iniziato a divorare le strutture. La raffineria è adiacente a una zona industriale molto florida, ed è proprio da lì che arrivano le foto e i video dei dipendenti. “Siamo in contatto con i nostri delegati e iscritti per capire l’entità dell’incidente – dicono dal sindacato Usb Livorno in un comunicato su Facebook – Adesso ci sono i vigili del fuoco al lavoro e sono arrivate sul posto delle ambulanze”. Le fiamme sono nate in un impianto di manutenzione. “Tenete le finestre chiuse”, è la raccomandazione della Protezione Civile. Il sindaco Luca Salvetti è alla sede dello stabilimento e segue sul posto l’evolversi della situazione.

Incidente stradale sulla A1, coinvolti 4 tir: un morto