Italy

M5s, il voto in corso su Rousseau. Ortodossi restii alle alleanze, Cabras: "Chiamiamole intese non ostacolate"

La deroga del tetto dei due mandati ai consiglieri comunali e l'alleanza con i partiti tradizionali su cui i militanti sono chiamati a rispondere su Rousseau fino alle 12 fanno da preludio a una rivoluzione che un'ala pentastellata stenta a digerire. Il sì alla deroga significa infatti il superamento del tetto in futuro anche per i parlamentari e il via libera ad alleanze sul territorio.

  L'accelerazione del sindaco di Roma Virginia Raggi, che ha annunciato la ricandidatura, ha spiazzato tutti e ancor più la decisione dei vertici di aprire ad un asse più strutturato con i dem. Ora si profila la prospettiva non solo di una alleanza alle prossime elezioni ma anche l'eventualità, per esempio, che nella Capitale dem e cinquestelle possano convergere al ballottaggio.



 
I grillini dell'ala ortodossa, che ha come punto di riferimento Alessandro Di Battista, sono per il sì alla Raggi ma, come Davide Casaleggio, non vogliono altre deroghe. E soprattutto sono restii ad aprire la discussione sul tema di un'alleanza strutturale con il Pd: "Di Maio vuole soprattutto proteggere l'esperienza di governo di Virginia Raggi - spiega dalla Sardegna il deputato Pino Cabras -  che ha agito con straordinario coraggio contro un concentrato di poteri corrotti che non vedrebbero l'ora di espellerla e restaurare il vecchio andazzo a Roma. Quanto alle alleanze, il quesito parla di 'poterle' fare, non di 'doverle'. Più che di un'alleanza strutturale parlerei di intese non ostacolate, dove siano possibili".

  Per l'europarlamentare Ignazio Corrao i due quesiti "riguardano temi diversi. E' giusto superare la regola del secondo mandato - afferma ad Agorà Estate - che andava bene quando avevamo pochi consiglieri comunali sparsi per l'Italia ma ora siamo diventati una forza politica di maggioranza a livello nazionale. Sul tema delle alleanze c'è da fare un ragionamento di tempistica. Un argomento del genere, così come anche la leadership del Movimento e l'organizzazione sui territori andavano discussi negli Stati generali, che sono stati rimandati a causa dell'emergenza Covid".

  Anche la senatrice Barbara Lezzi annuncia su Facebook il suo no alle alleanze con gli altri partiti: "Si tratta di una questione di metodo, queste decisioni non dovrebbero essere calate dal Capo Politico sentito il comitato di garanzia ma dovrebbero essere rimesse alle responsabilità dei diversi territori per non cadere, in primis, preda di lontane dinamiche romane".



Viceversa il presidente della camera Roberto Fico ritiene sia opportuno aprire una riflessione sulle alleanze: "È opportuno porre in essere una riflessione sul dialogo e l'ipotesi di alleanze - aggiunge - che si possono instaurare sui territori, come abbiamo fatto a livello nazionale negli scorsi mesi. Credo infatti occorra prevedere la possibilità per le liste certificate a livello locale di confrontarsi in maniera costruttiva con altre forze politiche mettendo in primo piano il futuro delle nostre città e l'interesse della collettività. Auguro a tutti voi un buon voto, ragionato e consapevole".

  Ma anche tra i dem non tutti sono d'accordo. "Il Pd, a Torino, non è interessato ad alleanze con il M5s" afferma il capogruppo in Consiglio comunale Stefano Lo Russo, tra i possibili candidati sindaco del centrosinistra, commentando il voto favorevole della sindaca Chiara Appendino al quesito sulla piattaforma Rousseau, che apre alla possibilità di alleanze per i pentastellati.

A giudicare "pericolosa" invece un'alleanza del Pd con il M5s è il segretario di Più Europa Benedetto Della Vedova, che ad Agorà Estate afferma: "Se il Partito Democratico sceglie di avere un'alleanza strutturale con il Movimento 5 Stelle, che a sua volta sceglie un'alleanza strutturale con il Pd, è necessario che nasca un'alternativa europeista, liberal-democratica ed ecologista nel fronte che si contrappone, e che vuole combattere e battere, populisti e nazionalisti. L'alternativa a Salvini non può essere Di Battista".

Football news:

Il Liverpool ha battuto L'Arsenal: Robertson ha portato, ma si è corretto, Jota ha segnato il 400 ° gol della squadra in APL a Klopp
Jota sul 1 ° gol per il Liverpool: sensazioni incredibili. Peccato che lo stadio non fosse pieno
Mikel Arteta: Liverpool è lo standard che L'arsenal deve raggiungere. Ci superano in molti aspetti
Lester è in testa alla APL dopo tre tour. Liverpool e Everton anche segnato 9 punti
Jürgen Klopp: Roy Keen ha detto che il Liverpool ha mostrato un calcio negligente? Voglio sentirlo. Descrizione del gioco incredibile
Man City ha rifiutato L'acquisto di Koulibali dopo il trasferimento di Dias
Conte vuole firmare per L'Inter Gervinho da Parma