Italy

Maggioranza divisa sul fisco. Dossier Aspi: consiglio dei ministri in 10 giorni, "progressi o revoca"

E' in corso a Palazzo Chigi il Consiglio dei ministri. Una informativa sulla nota di aggiornamento al Def è stata svolta in Cdm dal ministro dell'Economia Roberto Gualtieri. Si sarebbe fatto un primo rapido punto e si sarebbe rinviato l'esame, come previsto, al prossimo Consiglio dei ministri. L'Aula della Camera esaminerà il prossimo 14 ottobre, a partire dalle 16, la Nota di aggiornamento al Def (Nadef).

 La riunione è stata preceduta da un vertice sul dossier Aspi. Un Consiglio dei ministri verrà convocato entro 10 giorni su Aspi: se Atlantia non cambierà la sua posizione, resta sul tavolo l'opzione della revoca della concessione, se invece arriverà una proposta, sarà valutata. E' quanto si apprende da fonti di governo, all'esito del vertice del premier Giuseppe Conte con i ministri Roberto Gualtieri e Paola De Micheli.

Trapela "irritazione" nell'esecutivo per le lettere inviate ieri da Aspi. Ne vengono respinti tutti gli argomenti: Atlantia - secondo quanto riferiscono fonti del governo - ha modificato le condizioni che avevano portato ad un accordo a luglio. Respinte anche le accuse secondo cui il governo starebbe obbligando la società ad un'operazione non trasparente e non di mercato.

Atlantia "confida nella capacità di mediazione e nell'equilibrio del Presidente Conte e del suo Governo". "Una eventuale revoca" della concessione di Aspi, aggiunge la società, "provocherebbe un default sistemico gravissimo, esteso a tutto il mercato europeo". Monta la rabbia dei parenti delle vittime: "Questa società dovrebbe mettersi in ginocchio e cospargersi il capo di cenere, siamo scandalizzati da tanta arroganza", afferma Egle Possetti, presidente del Comitato Ricordo Vittime Ponte Morandi (14 agosto 2018, 43 morti) a proposito della trattativa in corso per la cessione di Autostrade per l'Italia. "Siamo molto amareggiati che tanti italiani non comprendano la portata di questo gesto che ha il significato di schiacciare con un piede tutte le nostre teste di cittadini, è una vergogna!", dice Possetti.

Tornando all'agenda di governo, si apre il capitolo della manovra. Secondo quanto si apprende da fonti di maggioranza, si starebbe orientando per un finanziamento di circa 6 miliardi per partire da gennaio con l'assegno unico per i figli fino a 18 anni e starebbe valutando un nuovo pacchetto di sgravi contributivi per incentivare le assunzioni a tempo indeterminato, dopo quelli introdotti con il decreto agosto. Per stabilizzare il taglio del cuneo fiscale anche tra i 28mila e i 40mila euro di reddito dovrebbero essere stanziati circa 2 miliardi.

E la riforma dell'Irpef divide: dubbi sono stati avanzati da M5s e da Italia Viva.  "Italia viva ha detto in tutti i modi che non è d'accordo sul sistema tedesco. Vorrebbe fare questa discussione nelle riunioni e nei seminari (con numeri e idee), ma se proprio si insiste a volerla fare sui giornali, a noi va bene lo stesso". Lo dichiara Luigi Marattin, presidente della commissione Finanze della Camera e responsabile dei dossier economici per Italia viva, interpellato sull'ipotesi, emersa da notizie di stampa, che il governo si orienti su una riforma dell'Irpef senza aliquote fisse, sul modello tedesco, nella prossima manovra.

Football news:

Miranchuk è in grado di giocare in quasi tutti i club del mondo. L'ex-centrocampista Loko Drozdov sul Rookie Atalanta
Bale sulla partenza del Tottenham: non sono ancora pronto. Cerco di ottenere la forma
L'ex allenatore del Barça Setien può guidare Palmeiras
Fonseca su 2-1 con Young Boys: hanno dato una pausa ad alcuni. Ora Roma si concentrerà su Milano
Highlight del mese: l'attaccante Rangers ha segnato con 50 metri (il gol più lontano nella storia di Europa League). Gerrard dice di non aver visto nulla di più bello 😍
Mourinho circa 3:0 con carezze: difficile avversario, ma Tottenham ha giocato in modo che la vittoria sembrava facile
Stefano Pioli: il Milan non è una squadra normale. Normale gioca con poca dedizione, dopo il derby