Italy

Maradona, Cabrini choc: «Sarebbe ancora vivo se fosse stato alla Juve e non al Napoli»

«Maradona sarebbe ancora vivo se all’epoca fosse stato della Juve e non del Napoli». Così Antonio Cabrini, campione del Mondo nel 1982 e per tredici stagioni punto di forza bianconero, in un’intervista ad Anna Lo Calzo per l’emittente Irpinia Tv di Avellino.

Addio Diego

  • Morto Maradona, piedi e trasgressione al servizio, e al disservizio, di un cuore

  • Maradona, le sue frasi celebri (e quello che dissero su di lui): citazioni da leggenda

  • Maradona, lo scugnizzo d'Argentina che a Napoli regalò un sogno eterno

  • No, Maradona, non può essere morto. Perché è l'essenza del calcio: e l'amore non muore mai

  • Maradona, l’allenatore più pazzo del mondo. Disse: «Ecco un uomo tornato dall’inferno»

  • Maradona: gli ultimi giorni, l’operazione, le liti. E il testamento: «Il calcio mi ha dato tutto»

  • Maradona e il gol del secolo: segna agli inglesi la rete più bella di sempre

  • Maradona: nessuno come lui. Diego costruiva le squadre, Pelè le concludeva

  • Stadio San Paolo, i tifosi del Napoli rendono omaggio a Maradona

  • Maradona e l’amichevole di Acerra: nel fango fece le prove generali del gol del secolo

«Una leggenda vivente e un avversario gentiluomo - dice Cabrini - che come tanti altri fuoriclasse ha saputo dare nello stesso tempo il meglio e il peggio. Sarebbe ancora qui con noi se fosse venuto alla Juve perché l’ambiente lo avrebbe salvato, non la società ma proprio l’ambiente. L’amore di Napoli è stato tanto forte e autentico quanto, ribadisco, malato».

L’ex campione del mondo a un’emittente campana: «L’ambiente bianconero l’avrebbe salvato, l’amore per la città era autentico ma malato»

di Redazione Sport

Football news:

Obameyang ha saltato i giochi a causa della malattia di mia madre. È già meglio
Il difensore del Milan Mateo Musacco è diventato il giocatore del Lazio
Lampard ha lavorato grandemente nel primo anno. Ma il suo licenziamento è logico: il chelsea ha regredito dopo l'acquisto estivo e Frank ha perso il controllo
Juventus, Inter e Tottenham hanno parlato con Dee Maria. Il centrocampista del PSG Angel Di Maria è Interessato ai club di altri paesi
Il contadino ha guidato Siena. Vladimir Gazzaev ha difficoltà burocratiche, ma è già stato presentato alla squadra
Thomas Tuchel: non poteva perdere l'occasione di lavorare per il Chelsea, nella lega più forte del mondo
Tuchel ha dedicato molto tempo alle tattiche e ha parlato con tutti i giocatori del Chelsea al primo allenamento