Italy

Marco Lodola: «Una Rosa di luce per la Milanesiana». Focus nell’App de «la Lettura» e su pc

La critica letteraria e la visualizzazione dati si uniscono in un progetto che consente di esplorare in modo inedito l’opera di un grande autore del Novecento, Italo Calvino: è una piattaforma web, l’Atlante Calvino, di cui si occupa un ampio speciale nel nuovo numero de «la Lettura», il #498, disponibile in anteprima sabato 12 nell’App per smartphone e tablet (scaricabile da App Store e Google Play), e da domenica 13 in edicola.

La copertina de «la Lettura» #498, del duo artistico Kings
La copertina de «la Lettura» #498, del duo artistico Kings

Nell’App de «la Lettura» i lettori trovano ogni mattina un focus extra solo digitale, il Tema del Giorno: quell0 di giovedì 17 giugno è dedicato alla Rosa simbolo della Milanesiana, il festival ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi. La Rosa è ispirata da Franco Battiato e firmata (e rielaborata per ogni edizione della rassegna) da Franco Achilli. Da qualche anno, il compito di trasformarla in una scultura luminosa, colorata (e quest’anno anche sonora) da lasciare in dono a una delle città toccate dal Festival (questa volta, Ascoli Piceno) spetta a Marco Lodola. Che nell’extra per l’App racconta a Stefano Bucci la sua opera simbolo dell’edizione 2021. Nel supplemento #498, in edicola e App, lo stesso Bucci presenta invece le mostre d’arte della 22ª edizione della Milanesiana (fino al 6 agosto).

L’App de «la Lettura» — distinta da quella del «Corriere» in cui l’inserto culturale è comunque disponibile già dal sabato —, offre anche l’archivio di tutte le uscite del supplemento dal 2011 a oggi: circa 30 mila articoli esplorabili con un motore di ricerca avanzato per data, tema, autore e specifiche categorie di contenuti (visual data, graphic novel, copertine d’artista, classifiche). Chi lo desidera riceve anche notifiche dalla redazione. E la newsletter settimanale dell’inserto, che arriva via email il venerdì (ci si può iscrivere anche da qui), e resta accessibile via web per una settimana. Il prezzo dell’abbonamento all’App de «la Lettura» è di euro 3,99 al mese o 39,99 l’anno, con una settimana gratuita. Per chi si abbona, inoltre, tutti contenuti dell’App sono raggiungibili anche da desktop, a partire da questa pagina (da cui è anche possibile avviare la sottoscrizione). L’App si può regalare acquistando una Gift Card nelle Librerie.coop oppure da qui.

Tra gli altri focus ancora disponibili nella sezione Temi, quello firmato da Ida Bozzi è dedicato all’estate dei festival: infatti, spesso con un format misto (in presenza e in streaming), le manifestazioni culturali stanno riprendendo in tutta Italia. E spesso affrontano cambiamenti e stati d’animo dopo la stagione dei lockdown. Su «la Lettura» #498, in edicola e App, diversi articoli approfondiscono temi — frenesia, desideri, sogni — affrontati dai festival di questa estate 2021 (Torino spiritualità, Festa della Filosofia a Roma, Le conversazioni di Capri, la Biennale di Belgrado...). «La Lettura» si addentra in questi stati d’animo con 6 pagine e gli articoli di Carlo Bordoni, Marco Ventura, Vincenzo Trione. Un’anteprima è arrivata venerdì 11 ai lettori della newsletter dell’inserto. Newsletter che viene inviata via email ogni venerdì e a cui ci si può iscrivere da corriere.it/newsletter. La ricevono anche gli abbonati all’App dell’inserto, per cui è visibile una settimana a partire da abbonamenti.corriere.it (cliccando poi su «Accedi ai contenuti»).

Nella sezione Temi della App resta poi ancora disponibile l’incipit del racconto di Massimo Carlotto Born To Kill?, uno dei testi della raccolta L’occhio dell’assassino. Un viaggio nella mente criminale nei racconti di 20 maestri, a cura di Luca Crovi (Bur Rizzoli, in libreria dal 15 giugno). Del libro scrive Severino Colombo, e ne discute con il curatore, nel supplemento #498. In digitale anche il focus dedicato ai sogni (e agli incubi) che hanno ispirato artisti moderni e contemporanei: lo firma Vincenzo Trione, che nel supplemento, in edicola e digitale, racconta la Biennale di Belgrado, dal titolo «The Dreamers», curata da Ilaria Marotta e Andrea Baccin, in programma dal 25 giugno al 22 agosto. Poi l’incipit in anteprima del nuovo romanzo di Jonathan Lethem, L’Arresto (tradotto da Andrea Silvestri, in uscita il 17 giugno per La nave di Teseo), recensito da Enrico Rotelli nel supplemento #498 disponibile in edicola e nella stessa App.

Tornando al nuovo numero, il progetto «Atlante Calvino» è ideato e diretto dalla professoressa Francesca Serra dell’Università di Ginevra, mentre a dirigere le attività di design è Michele Mauri, direttore scientifico del laboratorio DensityDesign del Politecnico di Milano. Nell’articolo di Alessia Rastelli si illustra la piattaforma (https://atlantecalvino.unige.ch/): non un database ma un contenitore aperto e interattivo, che consente di analizzare in modo diverso, fuori dagli schemi, i 215 testi del corpus narrativo di Calvino, attraverso tre principali percorsi di lettura: Dubbio, Spazio e Forma. Un esempio di sperimentazione nelle Digital Humanities, campo di ricerca che unisce discipline umanistiche e informatiche. Su «la Lettura» è pubblicata anche la prima di 4 visualizzazioni cartacee tratte dall’Atlante (le altre usciranno nell’inserto una al mese, fino a settembre): una mappa in cui tutte le opere di Calvino diventano «isole» e arcipelaghi, e che evidenza le modalità di lavoro dell’autore, la lunghezza dei testi, la loro storia editoriale e così via. Al progetto è dedicato oggi anche un approfondimento extra digitale firmato dalla stessa Francesca Serra e disponibile nella sezione Tema del Giorno dell’App.

Nel supplemento, sono molti i testi d’autore: tra questi, i racconti dello spagnolo Manuel Vilas e del francese Emmanuel Carrère (entrambi attesi al festival Taobuk, a Taormina dal 17 al 21 giugno). Il racconto di Vilas (alle sue poesie di Amor, Guanda, è dedicato anche un articolo di Paolo Lepri), è il gustoso resoconto di un soggiorno a Parigi nei giorni del lockdown: chiuso in camera, affamato, lo scrittore si abbandona a un banchetto di musica, e i brani diventano pietanze. Nel racconto di Carrère (di cui Adelphi ha di recente pubblicato Yoga), l’autore propone una lettura delle Metamorfosi di Ovidio: un saggio che inizia durante il soggiorno in Provenza con la fidanzata ma si trasforma in molto altro, passando attraverso una citazione proprio di Calvino, entrando nella panetteria del paese provenzale, visitando l’enigma di Ovidio e del suo esilio, e viaggiando tra la storia letteraria d’Europa e le classifiche librarie di oggi.

«La Lettura» esplora anche vari argomenti legati alla crisi pandemica, come la necessità di un coordinamento internazionale della ricerca e delle politiche sanitarie: il numero si apre con una conversazione, a cura di Antonio Carioti, in cui l’economista Massimo Florio, che ha proposto l’istituzione di un’organizzazione legata all’Unione europea che coinvolga governi, scienziati e industria, dialoga con l’imprenditore farmaceutico Sergio Dompé e con Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto «Mario Negri».

Football news:

Kuman ha respinto L'idea del Barça di acquistare Renata Sansches e Christian Romero
Barcellona non ha preso Morib per le tasse in Germania. Le parti non possono negoziare il Contratto
Bayern e Dortmund erano Interessati alla possibilità del trasferimento di Chiesa. Juve negato
La fantastica storia di un surfista australiano: ha conquistato il bronzo dopo una grave lesione al cranio (non poteva nemmeno camminare)
Aguero ha subito un trattamento con cellule staminali per riparare la cartilagine del ginocchio
Mills su Varan al Manchester United: non sono sicuro che sarà come Van Dijk about Diash. Nella Liga 6 partite difficili, senza contare la Champions League
Memphis Depay: non mi importa che mi chiamano ribelle. Suarez ha vinto molto non perché è l'uomo più dolce sul campo