This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Mentre Gualtieri festeggia la vittoria da sindaco, Carlos viene sfrattato dopo aver perso il lavoro

Carlos ha 67 anni, è un docente di fotografia, e ieri pomeriggio è stato sfrattato dalla sua abitazione di San Lorenzo, dove viveva da diversi anni. La mattina diverse persone erano accorse per un picchetto in modo da impedire lo sfratto: ma la forza pubblica è arrivata nel pomeriggio, quando non c’era più nessuno, e Carlos è finito in mezzo alla strada.

"Sono venuti con un blindato e diversi agenti, non ho potuto far altro che uscire di casa e andare via. Ho portato via qualcosina in una valigia, ma il resto delle mie cose è ancora dentro casa, non mi hanno permesso di prenderle. Me le faranno trovare davanti la porta inscatolate il 4 novembre. Dove andrò adesso? Per ora mi stanno ospitando degli amici altrimenti sarei finito in mezzo a una strada, dopo non so". A parlare è Carlos, un uomo di 67 anni che da anni vive nel quartiere di San Lorenzo a Roma e il cui contratto di affitto era scaduto per fine locazione circa un anno fa. Come tanti, Carlos – docente di fotografia – a causa della pandemia da coronavirus ha avuto difficoltà a lavorare, e da allora non è più riuscito a pagare l'affitto. Da allora molte erano state le difficoltà, aumentate dopo la morte della madre invalida e l'interruzione della pensione di accompagno che percepiva per aiutarla. E diversi erano stati i tentativi di sfratto di Carlos, mai andati a buon fine per i picchetti organizzati dagli abitanti della zona. Ieri, nel giorno in cui Roberto Gualtieri ha vinto le elezioni a sindaco di Roma, il 67enne è stato fatto uscire dalla casa, senza che nessuna soluzione alternativa fosse messa a disposizione. Un segno di come l'emergenza abitativa e le disuguaglianze rimangono una priorità nella città di Roma.

Subito dopo lo sfratto è stata indetta una manifestazione da Blocchi precari metropolitani a San Lorenzo. "Cambia l’amministrazione, continuano gli sfratti – dichiarano gli attivisti in una nota – Vogliamo chiedere direttamente a chi si appresta ad amministrare questa città, e al Prefetto Piantedosi: è questa la graduazione degli sfratti che immaginate? È ancora una volta la risposta muscolare e di ordine pubblico quella che, ammantata di una patina di sensibilità per le fragilità sociali, si continua ad opporre, approfittando quando la città è distratta a guardare altro?". Oggi è stata invece organizzata una conferenza stampa sotto la Prefettura. Per adesso però, nessuna istituzione ha preso parola riguardo quanto accaduto a Carlos. Che ora si trova in una situazione di estrema difficoltà: senza un lavoro fisso non trova nessuno disposto ad affittargli una stanza.