This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Migranti, c’è una barca a vela con 70 persone alla deriva davanti alle coste della Calabria

“Una barca a vela con 70 profughi, senza più motore, è alla deriva a sud di Capo Rizzuto con 4 metri d’onda. A bordo anche bambini. I mercantili hanno lanciato il “Mayday”. Ma le condizioni meteo impediscono interventi. Una nave tenta l’abbordaggio”: è l’allarme che lancia il giornalista Nello Scavo.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

A lanciare l'allarme è il giornalista Nello Scavo, che su Twitter avverte della presenza di una barca alla deriva nel Mediterraneo, con condizioni meteo decisamente critiche: "Una barca a vela con 70 profughi, senza più motore, è alla deriva a sud di Capo Rizzuto con 4 metri d'onda", scrive il cronista di Avvenire. "A bordo anche bambini. I mercantili hanno lanciato il "Mayday". Ma le condizioni meteo impediscono interventi. Una nave tenta l'abbordaggio", aggiunge.

Ieri Alarm Phone, la piattaforma che offre assistenza telefonica ai migranti in pericolo nel Mediterraneo, aveva scritto di una barca in difficoltà in zona Sar maltese. Imbarcazione su cui viaggiavano 68 persone, tra cui molti bambini, riferivano gli attivisti, che erano partiti dalla Libia. Le autorità, raccontava l'organizzazione, erano già state allertate da diverse ore. "Hanno problemi col motore e ci sono vento forte e mare duro. Chiediamo alle autorità europee di rispettare il loro dovere di soccorso", scrivevano.

Dopo qualche ora gli attivisti aggiungevano: "Le ~68 persone in pericolo sono esauste e alla deriva tra onde alte. Vedono un aereo sorvolarle, che noi identifichiamo come un aereo Frontex. Le persone a bordo chiedono perché l'Europa le guarda solamente dall'alto ma non le soccorre da più di un giorno". Alcune ore fa l'ultimo aggiornamento: "Pensiamo che le ~68 persone siano state soccorse e portate a Lampedusa, ma come al solito le autorità si rifiutano di darci qualsiasi informazione".

Intanto una nave umanitaria, la Geo Barents di Medici Senza Frontiere, è in attesa di un porto con 367 naufraghi a bordo. Di loro, 172 sono minori. "Con 367 sopravvissuti a bordo, 172 sono minori, e delle previsioni meteo incredibilmente agitate, non possiamo aspettare oltre per condurli a terra. La Geo Barents ha immediatamente bisogno di un porto sicuro".