This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Milano, accoltellata in una rissa fuori dalla discoteca Tocqueville: 32enne di Segrate ricoverata in prognosi riservata

Cronaca

Milano, accoltellata in una rissa fuori dalla discoteca Tocqueville: 32enne di Segrate ricoverata in prognosi riservata

Per chi indaga, la vittima è stata colpita due volte durante una lite tra la sua comitiva e un gruppo di nordafricani fuori dalla discoteca Tocqueville, vicino a corso Como. Ora si trova al Niguarda in gravi condizioni. Ferito in maniera lieve anche un 25enne di origine senegalese

Accoltellata durante una rissa notturna. È successo nella notte tra il 16 e il 17 ottobre a Milano: la vittima è una 32enne di Segrate che ha ricevuto due fendenti alla gamba dopo essere stata coinvolta in una lite vicino a corso Como, zona centrale della movida cittadina. Ora la donna si trova all’ospedale Niguarda, dove è stata ricoverata nel reparto di rianimazione in prognosi riservata.

Dalle prime ricostruzioni dei carabinieri, accorsi al policlinico su segnalazione dei sanitari, sembra che la ragazza si è ritrovata coinvolta alle 5,00 del mattino in un’accesa discussione davanti al Tocqueville, uno dei locali notturni più frequentati della zona. A un certo punto qualcuno ha estratto un coltello e l’ha colpita per due volte alla gamba destra. Vista la gravità della ferita, sono stati gli amici e il compagno a caricarla in macchina e a portarla all’ospedale senza attendere l’arrivo dei soccorsi. Nella colluttazione è rimasto ferito anche un senegalese di 25 anni, condotto al Fatebenefratelli con una lesione da taglio superficiale alla gamba.

Sul luogo dell’accaduto è intervenuto il personale del nucleo operativo della compagnia Milano Duomo mentre a condurre i rilievi sono gli agenti del nucleo investigativo: le indagini proseguono ed è ancora da stabilire la dinamica della lite. L’ipotesi al vaglio è che la comitiva di cui faceva parte la giovane abbia fronteggiato un altro gruppo. Maggiori informazioni arriveranno dai filmati delle telecamere di sorveglianza poste nelle vicinanze e dai racconti di tre testimoni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Torino, studenti e docenti No green pass occupano l’Aula magna dell’Università per protesta – video

next

Articolo Successivo

Portuali di Trieste, il portavoce Stefano Puzzer si dimette dopo la retromarcia sullo sciopero. Ma dice: “La protesta continua”

next
meteo