Italy

Milano, nuovi blackout in centro. Alla Rinascente clienti in strada

Giovedì nuovamente sotto stress la rete di distribuzione dell’energia elettrica. Dopo il centro storico lunedì e la zona nord della città martedì, è toccato al quartiere di Porta Romana, nella notte tra mercoledì e giovedì, e poi ancora nel pomeriggio

di Stefania Chiale

Non si fermano i blackout a Milano. Dopo la giornata di relativa calma di mercoledì, quella di ieri fin dalle prime ore ha messo nuovamente sotto stress la rete di distribuzione dell’energia elettrica, alla prova delle temperature da record improvvise e insieme della ripresa di tutte le attività economiche con l’ingresso della Lombardia in zona bianca. Dopo il centro storico lunedì e la zona nord della città martedì, giovedì è toccato al quartiere di Porta Romana rimanere al buio, nella notte tra mercoledì e giovedì, e poi ancora, nel pomeriggio. Non solo: ieri mattina il centro storico, il cuore della città e il primo a essere interessato dallo stop di energia elettrica e dai relativi disagi che ne derivano, è stato nuovamente colpito. (qui le previsioni meteo per il weekend).

L’interruzione che ha interessato le vie del centro, tra cui la strada dello shopping Vittorio Emanuele, è durata circa 30 minuti, facendo rimanere al buio anche alcuni grandi store come la Rinascente e costringendo gli addetti alla sicurezza a far attendere fuori dal negozio la clientela. Il disguido è stato tamponato con l’intervento immediato di Unareti, la società unica per la distribuzione di energia elettrica e gas, della sala di controllo, operando una manovra di «contro-alimentazione», ossia aggirando il guasto e portando energia attraverso un altro percorso. Guasti che poi comunque devono essere riparati, con l’intervento di squadre di pronto intervento, che la società ha quadruplicato dall’inizio della settimana e impiegato 24 ore su 24, per scavare, trovare l’origine del problema e riparare la porzione di rete interessata.

Più complesse le operazioni in Porta Romana, dove il guasto verificatosi nella notte tra mercoledì e giovedì è stato molto complesso, spiega Unareti, e c’è voluta tutta la notte per ripristinare la corrente nella zona. Riparazione che, però, non è stata sufficiente a evitare una ricaduta ieri pomeriggio, con un nuovo blackout nel quartiere e tutte le forze di pronto intervento impiegate per ripristinare la corrente. Tornata poi alle 19.

Cos’è successo? La società spiega che dove la rete è più fragile il rischio è maggiore. Vale a dire: le ricadute spesso ci sono dove sono già avvenuti dei guasti alla rete. Il motivo? Quando c’è un guasto la società agisce immediatamente, come spiegato, tamponando la situazione dalla sala di controllo con una manovra di contro-alimentazione. Facendo fare all’energia elettrica un percorso differente rispetto a quello solito per aggirare il problema si va a sovraccaricare quella porzione di rete, spiega la società. E quindi è maggiormente possibile che si ripresenti un guasto. Per questo al momento tutte le squadre operative sono concentrate nelle zone più fragili della città, quelle dove si sono verificate le interruzioni in questi giorni. Anche il Coin di Cinque Giornate giovedì è rimasto chiuso per blackout un’ora circa.

La società torna a scusarsi con i cittadini per il disagio che stanno subendo e comunica che «date le numerose riparazioni in corso e le temperature particolarmente elevate permane lo stato di allerta». Ribadisce, oltre agli sforzi attualmente in corso nel «riportare la rete al suo assetto standard» con il numero di squadre «quadruplicato», il piano di investimenti annuali, raddoppiati dal 2018 e che saranno di 120 milioni euro dal 2024. Le opposizioni, però, continuano a chiedere al sindaco Sala di intervenire «sui vertici dell’azienda, che lui in parte ha scelto in prima persona. È evidente che questi disservizi siano la conseguenza di anni di mala gestione, trascorsi con il silenzio colpevole dell’amministrazione di sinistra. È dall’inizio di giugno che la città subisce continui blackout», commentano in una nota i candidati di Fratelli d’Italia al consiglio comunale, Chiara Valcepina, presidente del circolo Imprese e professioni, e Francesco Rocca, presidente milanese di Gioventù Nazionale.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

Football news:

Il trasferimento di Greylish da Man City potrebbe far partire Bernard Silva. Il futuro di Sterling è in discussione
Jamie Carragher: se il Liverpool non si intensifica, sarà difficile far cadere la città dalla cima. E non dimentichiamo il Chelsea e il Manchester United
Messi non si allenerà con il Barça fino a quando non firmerà il Contratto
La Juventus firmerà L'attaccante Santos Cayo Jorge. Stipendio - 1,5 milioni di euro più bonus
Allegri sulla juve: Ronaldo è entusiasta. Dybala ha un problema muscolare. Kulusevski deve aggiungere
Nedved su Locatelli: la Juve considera la sua offerta giusta e buona
Kuman su 3:0 con Stoccarda: un grande gioco di barca contro una squadra forte. Siamo sulla strada giusta