Italy

Mix di vaccini, De Luca si adegua. Figliuolo: «Polemiche? Non fatevi frastornare»

I casi di Covid nel mondo sono oltre 176 milioni secondo i dati diffusi dalla Johns Hopkins University, mentre i decessi confermati superano i 3,8 milioni dall’inizio della pandemia. E in Italia l’ultimo bilancio, relativo a martedì 15 giugno, è di 1.255 nuovi casi e 63 morti (qui il bollettino con i dati e i bollettini che mostrano la situazione dall’inizio della pandemia: qui quelli del 2021, qui quelli del 2020). Qui la mappa del contagio nel mondo.Il Corriere ha creato una newsletter sul coronavirus. È gratis: ci si iscrive qui

La situazione Covid in Italia e nel mondo

Ore 17.30 - 1.255 nuovi casi e 63 morti oggi in Italia
ono 1.255 i nuovi casi di coronavirus in Italia e 63 i decessi in 24 ore. I guariti totali superano la soglia dei 4 milioni dall’inizio dell’emergenza con una correzione della Campania. Il tasso di positività è 0,6%, il più basso mai registrato con 212.112 tamponi (qui il bollettino completo)

Ore 16.41 - Figliuolo, Momento di stare uniti, italiani non si facciano frastornare
«Questo è il momento di stare uniti di stringerci a coorte. Stiamo uscendo da una pandemia, c'è la luce in fondo al tunnel. I dati sono confortanti, i decessi sono in netto calo ma la pandemia c'è ancora. Gli italiani non devono farsi frastornare ma devono continuare a vaccinarsi» Ha detto Francesco Paolo Figliuolo, a margine della cerimonia sull'anniversario della Polizia Penitenziaria. Il commissario straordinario per l'emergenza ha risposto anche ai cronisti sull'eventualità di dover richiedere nuove dosi di vaccini a mRna in base alle nuove disposizioni sugli under 60. «Il piano è ancora fattibile - ha assicurato - Mi ero preso margini di manovra d'accordo con il premier Draghi e da qui a fine settembre arriveranno 54,5 milioni di dosi, in grado di coprire l'80% della platea dei vaccinabili. Visto che il pericolo è sempre dietro l'angolo, avere una riserva non guasta».

Ore 15.52 - New York raggiunge l'immunità di gregge con il 70% di vaccinati
Lo stato di New York ha raggiunto l'immunità di gregge, ossia il 70% della popolazione adulta ha ricevuto almeno una dose del vaccino anti-Covid. Si tratta di una tappa fondamentale che consente di eliminare o rendere facoltative la maggior parte delle restrizioni. Negozi, ristoranti, palestre potranno scegliere se far indossare o meno la mascherina. I non vaccinati dovranno continuare a mantenere il distanziamento sociale e indossare la mascherina. Il governatore Andrew Cuomo ha fatto sapere che ora lo sforzo si concentra nelle zone dove c'è resistenza al vaccino

Ore 15.15 - De Luca vieta Johnson&Johnson e AstraZeneca agli under 60 in Campania
Il governatore della Campania De Luca ribadisce lo stop ai vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca per gli under 60: «Ai nuovi vaccinati non sarà somministrato Astrazeneca al di sotto dei 60 anni, rispetto al vaccino Johnson& Johnson la posizione del Ministero non è definita in modo chiaro e vincolante. Pertanto tale vaccino non sarà somministrato sotto i 60 anni» fa sapere De Luca in una nota.

Ore 14.08 - Medici famiglia, «90% richiami AstraZeneca a giugno-luglio, tempesta perfetta»
«Il massimo numero di dosi di AstraZeneca è arrivato in Italia a fine marzo. Visto che il richiamo è a 3 mesi, tra giugno e luglio sono tantissime, penso anche il 90% di quelle fatte. Siamo nel momento storico in cui il numero di seconde dosi AZ è al più alto livello e lo sarà fino agli inizi di luglio. È matematico. Ma in questa confusione informativa, la tempesta è perfetta». È la riflessione di Silvestro Scotti, segretario nazionale dei medici di medicina generale (Fimmg) che in un'intervista con l'Adnkronos Salute lamenta le «indicazioni vaghe», «non chiare e decise», dell'ente regolatorio.

Ore 12.52 - AstraZeneca: «Alta efficacia del vaccino su variante Delta»
I dati dell’autorità sanitaria britannica dimostrano alti livelli di protezione dati dal vaccino AstraZeneca sulla variante Delta del Coronavirus. Lo rende noto la stessa azienda produttrice del vaccino che spiega come con due dosi la protezione contro la variante sia del 92% per quanto riguarda il rischio di ospedalizzazione, e nessun decesso fra i vaccinati con doppia dose.

Ore 12.36 - Sileri: «Pochi ricoveri in Gran Bretagna per chi aveva fatto due dosi di vaccino»
La variante Delta «ha una contagiosità maggiore» ma la maggioranza dei casi di contagio in Gran Bretagna sono avvenuti in chi non aveva fatto il vaccino o ne aveva ricevuto una sola dose. Lo dice il viceministro della Salute Sileri che sottolinea: «Una parte minoritaria aveva completato il ciclo vaccinale». E le sue affermazioni sono confermate anche da un nuovo studio pubblicato proprio nel Regno Unito.

Ore 11.25 - Galli: «Seconda dose di AstraZeneca potrebbe non essere necessaria»
Secondo Massimo Galli, direttore di Malattie Infettive al Sacco di Milano, la seconda dose del vaccino AstraZeneca potrebbe non essere necessaria: - «L’effetto protettivo di una sola dose, secondo studi, ci dà una certa prospettiva di sicurezza- dice - Forse, molte seconde dosi di AstraZeneca in questo momento non sono necessarie: molte delle persone che hanno fatto la prima dose non necessitano strettamente della seconda».

Ore 11.20 - Allarme in Francia per la variante delta
Il ministro della Salute francese ha lanciato l’allarme sulla diffusione della variante indiana nel Paese, che al momento viene rilevata nel 2-4% dei casi, e ha sottolineato come sia necessario mantenere alta la guardia.

Ore 11.06 - Focolaio Covid sul set Disney «La sirenetta» in Sardegna
Un focolaio di Coronavirus si è diffuso sul set del remake Disney «La sirenetta» che si sta girando in questi giorni in Sardegna: 15 persone contagiate di cui 12 lavorano sul set.

Ore 10.11 - Michel: Dialogo Ue-Canada su salute, 16 mln vaccini esportati
Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha annunciato l’avvio di un nuovo dialogo Ue-Canada sulla salute per affrontare la pandemia e prevenire future pandemie durante la conferenza stampa che si è tenuta dopo il vertice bilaterale Ue-Canada. «L’Ue è il piu grande esportatore di vaccini - ha detto - abbiamo esportato 16 milioni di dosi al Canada». Michel ha aggiunto che i leader si sono impegnati per garantire l’accesso universale dei vaccini stanziando 3,2 miliardi di euro e la consegna di 100 milioni di dosi entro l’anno.

Ore 9.37 - Von der Leyen: «Superate le 300 milioni di vaccinazioni in Ue»
Superate le 300 milioni di vaccinazioni in Unione Europea: lo ha annunciato la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen.

Ore 9.13 - Circolare del ministero della Salute sul mix di vaccini: via libera dell’Aifa
Il ministero della Salute con una circolare a firma del direttore Prevenzione Gianni Rezza ha trasmesso la determina dell’Aifa e il parere del Cts che di fatto autorizza l’utilizzo di un vaccino a mRna per il richiamo per gli under 60 che avevano ricevuto la prima dose di AstraZeneca. L’Aifa, si legge, ha espresso «parere favorevole all’inserimento nell’elenco di Comirnaty (il vaccino Pfizer) e Vaccino Covid-19 Moderna come seconda dose per completare un ciclo vaccinale misto, nei soggetti di età inferiore ai 60 anni che abbiano già effettuato una prima dose di vaccino Vaxzevria». Per il Cts le seconda dose può essere somministrata in un arco di tempo tra le 8 e le 12 settimane.

Ore 9.10 - Da oggi in Israele stop a obbligo mascherine al chiuso
Da oggi in Israele decade l’obbligo di indossare le mascherine al chiuso, ad eccezione delle strutture di residenza per anziani, delle istituzioni sanitarie che prevedono lunga degenza. L’obbligo resta anche per chi non è vaccinato, per le persone in quarantena e i passeggeri di aerei.

Ore 9.06 - Fontana: «Campagna vaccinazione in Lombardia ritarderà di qualche settimana»
Dopo le nuove disposizioni sulla seconda dose agli under 60 vaccinati con AstraZeneca, la campagna vaccinale in Lombardia subirà qualche rallentamento: «Penso possa essere contenuto in qualche settimana, dovremmo recuperare nello spazio di al massimo due o tre settimane, non di più».

Ore 8.54 - Oltre 42,7 milioni le dosi di vaccino somministrate in Italia
Sono 42.734.542 le dosi di vaccino contro il Covid somministrate in Italia fino ad ora, oltre 14 milioni gli italiani che hanno ricevuto entrambe le dosi.

Ore 8.28 - Abrignani (Cts): «Limiti per AstraZeneca valgono anche per J&J»
E alle parole di Sileri fa eco Sergio Abrignani, immunologo e membro del Comitato Tecnico Scientifico: «Scendendo la circolazione virale, cambia la valutazione del rapporto rischi/benefici: da qui la raccomandazione del Cts a non utilizzare i vaccini a vettore virale al di sotto dei 60 anni. E vale sia per AstraZeneca sia per Johnson & Johnson».

Ore 8.26 - Sileri: «Anche Johnson&Johnson non venga somministrato agli under 60»
«Se fossi uno dei medici vaccinatori non farei né Astrazeneca né J&J ai più giovani. Abbiamo un numero di dosi di Pfizer e Moderna tale da riuscire a coprire tutta la popolazione». Lo dice il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri che poi sottolinea ancora una volta come sia sicuro il mix di vaccini con una dose di vaccino a vettore virale e una a mRna.

Football news:

Lione ha fatto una richiesta a Chelsea per Emerson. Il difensore italiano è Interessante per Inter e Napoli
Lewandowski si è allenato in uscita, per tornare in forma prima dell'inizio della stagione
Sono Cristiano Ronaldo e mando la palla solo in rete. L'attaccante ha abbandonato la crossbar challenge nel Real Madrid
Yuri Semin: Shevchenko ha molte carte vincenti per guidare il top club europeo
Flic su Müller e Hummels: Non C'è età in cui i giocatori saranno esclusi dalla nazionale
L'Inter di Miami Beckham ha Interrotto una serie di 7 partite senza vittorie. Higuain ha fatto un doppio
Il capo del Comitato Nazionale UAF Markevich: Non so se Shevchenko lascia la nazionale. E ' in vacanza