This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Modena. Addio cooperativa, ora Italpizza assume 460 addetti saranno assorbiti dall’azienda

Ipotesi di accordo raggiunta tra Cgil, Cisl, Uil, Italpizza, cooperativa Evologica e Confindustria Emilia Area Centro sulla vertenza per l’internalizzazione dell’appalto Evologica e il conseguente trasferimento alle dipendenze di Italpizza di tutti i 460 lavoratori. Ora questa ipotesi, fanno sapere i sindacati, dovrà essere sottoposta al voto dei lavoratori. Nel dettaglio, viene spiegato, l’intesa «prevede che tutti i lavoratori passino alle dipendenze di Italpizza attraverso l'articolo 2112 del codice civile – spiegano le tre sigle – quindi senza soluzione di continuità dal 1° gennaio 2022. Questa modalità permette di non discriminare i lavoratori in assenza per malattia, infortunio, maternità, in quanto consente anche a loro di essere dipendenti Italpizza dal 1° gennaio 2022. Il contratto applicato non sarà più il Ccnl multiservizi, ma – aggiungono i sindacati – quello migliorativo e coerente con le attività produttive svolte, ovvero il contratto degli alimentaristi in vigore. I lavoratori potranno chiedere, anche se in costanza di rapporto di lavoro, nel mese di gennaio tutto il proprio Tfr maturato al 31 dicembre prossimo».

Soddisfazione arriva dal gruppo consiliare e dalla segreteria del Pd di Modena: «Questo accordo migliorerà sensibilmente la retribuzione, i diritti e le tutele di 460 lavoratori, mettendo quella che è una delle più importanti realtà dell’agroalimentare modenese in condizione di continuare il percorso di crescita che ha intrapreso negli ultimi anni».



Con queste parole l’azienda modenese Italpizza commenta l’ipotesi di accordo che porterebbe all’assunzione di 460 lavoratori: «Nell’ultimo tavolo le organizzazioni sindacali hanno rimarcato la richiesta di passare i lavoratori alle dipendenze di Italpizza attraverso l’articolo 2112 del codice civile, aspetto non contemplato nell’accordo quadro di luglio 2019. Tale modalità ha posto un problema giuridico, in quanto, applicabile nei casi di cessione di ramo d'azienda. Italpizza aveva già garantito il passaggio di tutti lavoratori, nessuno escluso, tuttavia, essendoci stato finalmente un “dialogo” con tutte e tre le organizzazioni sindacali, responsabilmente ha ritenuto di fare un ulteriore sforzo, particolarmente oneroso, negoziato con Evologica l’acquisto del ramo d’azienda e creando così i presupposti civilistici per l'applicazione del articolo 2112».

«Ad ulteriore conferma della serietà e dell’impegno dell’azienda verso le maestranze, Italpizza si è resa disponibile ad anticipare ai lavoratori, anche se in costanza di rapporto di lavoro, tutto il Tfr maturato e a garantire la restituzione delle quote sociali, versate dai lavoratori alla coop Evologica. Inoltre, Italpizza ha rilanciato impegnandosi a trasferire immediatamente nuovo lavoro nello stabilimento di Modena al fine di creare le condizioni per: la chiusura dello stato di Cassa integrazione, assorbire tutti gli esuberi e addivenire a nuove assunzioni», conclude l’azienda a proposito della lunga vertenza.