This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Monza, in Piazza San Rocco parole e pensieri in ricordo di Cristian

Un grande lenzuolo bianco ospita dediche e pensieri: “avevi gli occhi buoni”, “mi mancano le nostre risate”, “non te ne sei mai andato”. Il ricordo è per Cristian Sebastiano, ucciso esattamente un anno fa, il 29 novembre 2020, a Monza, per mano di due giovanissimi (un 14enne e un 15enne monzesi).

A trovarsi in piazza San Rocco questa sera alle ore 19.00 sono stati amici, parenti e conoscenti di Cristian, circa una quarantina di persone. Tra loro anche Paolo Piffer, consigliere comunale di Monza da sempre sensibile ai temi del sociale e della tossicodipendenza. E proprio da qui parte Piffer con il suo ricordo: “Cristian non era un santo, ma chi di noi lo è? – commenta il consigliere. – La politica ha il compito di presidiare e agire su temi sensibili come quello della tossicodipendenza. Servono soldi, investimenti, una strategia, una visione per far sì che episodi drammatici come questo che ricordiamo oggi non succedano più”.

Generico novembre 2021

A volere questo momento, in primis, la famiglia Sebastiano. “In questi mesi siamo stati in contatto più volte – prosegue Piffer. – Essere qui stasera per me era giusto. Ricordare Cristian è importante per tantissime ragioni: quando succedono queste cose la sensazione è che siano solo fatti sfortunati, cose lontanissime da noi. Io penso, invece, che non sia così: la tragedia è successa, il nostro compito è ricordare Cristian, ma non basta. Credo sia importante come persona che si è impegnata in politica chiedere a gran voce investimenti per aiutare i ragazzi che stanno affrontando momenti difficili, esattamente come quelli che ha vissuti Cristian. Nessun uomo, nessun ragazzo merita di essere accoltellato sotto casa“.

Ecco un estratto del suo discorso.

Generico novembre 2021