Italy

Moretti chiama cinema che proietta Caro Diario

(ANSA) - BOLZANO, 27 OTT - Nanni Moretti ha chiamato l'unico cinema ancora aperto che in questi giorni proietta Caro Diario.
    "E' stato Raimund Obkircher, il nostro responsabile della programmazione, a rispondere al telefono. In un primo momento pensava che si trattasse di uno scherzo, ma poi si è convinto che era Nanni Moretti in persona", racconta Martin Kaufmann all'ANSA.
    Grazie a una legge provinciale i cinema e teatri in Alto Adige sono ancora aperti, seppur con rigide misure anti Covid.
    In questi giorni Caro Diario è in programma accompagnato da un breve video di saluto, nel quale il regista racconta le sue origini altoatesine. Moretti è infatti nato a Brunico, perché sua madre insegnava in Alto Adige. "Moretti al telefono si è detto molto contento che il suo film venga proiettato oggi e domani al Filmclub, visto che le sale nel resto d'Italia non possono farlo", racconta Kaufmann. Non è la prima volta che il regista prende il telefono in mano per chiamare il cinema bolzanino. "Era già accaduto alcuni anni fa. All'epoca rispose la segretaria e anche in quell'occasione in un primo momento pensò a uno scherzo", ricorda. (ANSA).
   

Football news:

Eden Hazard: non lascerò il Real Madrid, fallendo. Voglio dimostrare che è stato creato per questo club
Il centrocampista argentino de Paul: messi esiste in una dimensione diversa, ma rimane umano. Quando è vicino, tutto è più facile
La squadra vuole lasciare il Bayern. Egli è infelice con lo stipendio e il fatto che non gli danno il 10 ° Numero
Cozek si è scusato per le parole sul razzismo e sul Kudel: le mie dichiarazioni sono fraintese. Sono contro il razzismo in qualsiasi forma
Il Presidente del Bayern sui trasferimenti: il calcio dovrebbe avere urgentemente più buon senso. Il Presidente del Bayern Herbert Heiner ha parlato dello Stato del mercato di trasferimento sullo sfondo della crisi causata dalla pandemia del coronavirus
La Croazia non si inginocchierà prima delle partite di Euro 2020
Kane, Kroos, Ibrah: chi avrebbe giocato per la Danimarca se i re danesi avessero mantenuto tutte le loro terre