Italy

Morta, a 96 anni, la giornalista Rossana Rossanda. Fondò il Manifesto

ROMA – E’ morta nella notte  la giornalista Rossana Rossanda. Aveva 96 anni. Lo annuncia sul suo sito web il quotidiano Il Manifesto, che aggiunge: «Ricorderemo la nostra fondatrice sul giornale in edicola martedi».

Rossana Rossanda era nata il 23 aprile 1924 a Pola. Crebbe a Milano,dove tra il 1937 e il 1940 frequento’ il liceo classico Alessandro Manzoni. Iscrittasi poi alla facolta’ di filosofia della Statale, fu allieva del filosofo italiano Antonio Banfi. Con lo scoppio della seconda guerra mondiale, partecipo’giovanissima alla Resistenza e, al termine del conflitto,s’iscrisse al Partito Comunista Italiano.

In breve tempo venne nominata da Palmiro Togliatti responsabile della politica culturale del PCI. Nel 1963 venne eletta per la prima volta alla Camera dei deputati.Esponente di spicco dell’ala di sinistra interna maggiormente movimentista del PCI, nel 1968, proprio nel bel mezzo delle agitazioni studentesche ed operaie, pubblico’ un piccolo saggio, intitolato L’anno degli studenti, in cui esprimeva la sua adesione alle rivendicazioni che gruppi e collettivi di sinistra – anche all’infuori dei circuiti del PCI – stavano portando avanti.

Fortemente critica nei confronti del socialismo reale dell’Unione Sovietica e dei paesi del Blocco Orientale, assieme ai compagni della corrente ingraiana Luigi Pintor, Valentino Parlato e Lucio Magri contribui’ alla nascita del giornale il Manifesto, da cui prese forma anche una distinta corrente critica nel firmamento politico del PCI. Rossanda venne radiata dal partito insieme con la sua corrente – nonostante il parere contrario del futuro segretario nazionale Enrico Berlinguer – durante il XII Congresso nazionale del Partito a Bologna nel 1969.

Football news:

Hans-Dieter Flick: spero che Alaba firmi un contratto con il Bayern. Il nostro club è uno dei migliori al mondo
Diego Maradona: Messi ha dato a barca tutto, portato in cima. Non è stato trattato come meritava
Federico Chiesa: spero di lasciare il segno nella Juve. Il centrocampista Federico Chiesa ha condiviso le sue impressioni sul passaggio alla Juventus
Allenatore Benfica: non voglio che sembriamo L'attuale Barcellona, non ha nulla
Guardiola sul ritorno a barca: sono felice A Man City. Spero di rimanere qui
Fabinho non giocherà con il West Ham a causa di un infortunio
Ronald Kuman: Maradona era il migliore a suo tempo. Ora il miglior messi